Archive

Posts Tagged ‘vercelli città di eventi’

vercelli in festa

aprile 11, 2017 Lascia un commento

Gianluca Mercadante a sin nella ns foto alla libreria Mondadori domenica passata.

+

Gli appassionati di fumetti invadono il centro di Vercelli

Un “Comic-Con” di successo con disegnatori di grido come il “papà” di Diabolik, Enzo Facciolo
STEFANO FONSATO
VERCELLI 10-04-2017

Vercelli capitale dei fumetti, Vercelli e il suo Comic-Con.

E’ stato un successo la quinta edizione di «Vercelli tra le nuvole», promossa dal Comune, in collaborazione con l’Università Popolare e l’associazione culturale Creative Comics dal 2 al 9 aprile.

Ma il clou è stato nella giornata conclusiva, quella di ieri (domenica), con la fiera del fumetto, dimostrazioni, divertimento e conferenze, promossi in piazza Cavour e alla poco distante libreria Mondadori, in cui gli autori più famosi appartenenti al gotha del settore, hanno rivelato i segreti delle loro «matite». Senza dimenticare la mostra delle tavole all’ex Diciotto di via Viotti.

 

 

Matite che hanno tratteggiato anche i volti, le caricature degli avventure negli stand sotto la statua di Camillo Benso, in cui sedevano gente tra gli altri i disegnatori di Walt Disney Italia.

Tantissimi applausi anche per lo storico «papà» dei tratti di Diabolik Enzo Facciolo, accompagnato dal suo erede Riccardo Nunziati, presentati da Gianluca Mercadante, moderatore per l’occasione.

Curiosità anche per due firme storiche di Dylan Dog, lo sceneggiatore Claudio Chiaverotti e il disegnatore Giampiero Casertano. Il tutto, nel pomeriggio, tra una gara e l’altra di Cosplay, con i bellissimi costumi dei fumetti più celebri e non.

http://www.lastampa.it/2017/04/10/edizioni/vercelli/gli-appassionati-di-fumetti-invadono-il-centro-di-vercelli-jVXwB3StSWZQocSpmVX7bJ/pagina.html

eventi cittadini

gennaio 18, 2017 Lascia un commento

20 gennaio – Dialoghi sulla mia città al Teatro Civico.

“Dialoghi sulla città”

E’ il titolo dello spettacolo che si terrà al Teatro Civico di Vercelli venerdì 20 gennaio alle ore 21,00. L’evento avrà uno scopo benefico: raccogliere fondi per aiutare il comune di Norcia, recentemente colpito dal sisma del centro Italia. Durante la serata verrà presentato il trailer del video promozionale della Città di Vercelli che è in fase di realizzazione e che “farà vedere la nostra città da insolite angolazioni. Presentano per noi la serata (che ricordiamo sarà ad ingresso libero) ed il progetto (che si svilupperà per un intero anno) Alex Zarino, regista, e Andrea Vecco, coordinatore.
 

+++

Titolo Visite
20 gennaio – Dialoghi sulla mia città al Teatro Civico. 8
Fino al 20 marzo – Concorso di disegno per bambini e ragazzi organizzato dal Museo Archeologico 31
20 e 21 gennaio – Terzo Spettacolo stagione 2016/2017 “Disconessi” 52
22 gennaio – Apertura cimitero israelitico 34
28 gennaio – Sfilata delle maschere e consegna delle chiavi 107
Fino al 29 gennaio 2017 – Pattinaggio su ghiaccio 725
Fino al 25 marzo 2017 – Passeggiando tra Sacro e Profano. 821

http://www.comune.vercelli.it/cms/it/eventi-e-spettacoli/index.php?Itemid=2

evento musicale ed altri,vercelli

dicembre 13, 2016 Lascia un commento

Dai a ogni giornata la possibilità di essere la più bella della tua vita.

(Mark Twain)

DSC06161teatro civico

Il nostro Teatro Civico in foto di archivio

17 dicembre – Viotti Festival “Concerto di Filippo Gamba”

Sabato 17 dicembre 2016
Teatro Civico, Vercelli, ore 21.00

Concerto in abbonamento

L’integrale delle Sonate per pianoforte di Beethoven – parte II

Filippo Gamba pianoforte

Programma

Ludwig van Beethoven
Sonata in la maggiore op.2 n.2
Sonata in mi maggiore op.14 n.1
Sonata in re maggiore op.10 n.3
Sonata in do minore op.13 ‘Patetica’

Dopo il debutto ufficiale di novembre, sabato 17 dicembre (ore 21, concerto in abbonamento) al Teatro Civico sarà tempo di un’altra grande prima per questo XIX Viotti Festival: l’onore di inaugurare la prestigiosa Sezione cameristica del cartellone 2016-2017 va infatti a un pianista raffinato e dalla spiccata personalità come Filippo Gamba, il quale prosegue l’esplorazione delle 32 Sonate pianistiche beethoveniane avviata lo scorso anno dalla Camerata Ducale. Un progetto ambizioso, dai contenuti artistici di altissimo livello, ma anche un vero “must musicale” che proietta il dinamico Viotti Festival nel ristretto Olimpo delle rassegne concertistiche europee all’avanguardia per impegno, contenuti e serietà. Serata di grandi contenuti, dunque, quella del Civico, ma anche di grande significato.

E il programma sarà all’altezza delle attese, prevedendo opere in grado come poche altre di emozionare e affascinare sia lo spettatore occasionale, sia il più agguerrito dei melomani. Tutto concentrato su Beethoven, naturalmente, con l’apertura riservata alla seconda Sonata tratta dalla giovanile (1796) raccolta dell’op.2: pubblicata a Vienna e dedicata al nume tutelare Haydn, si sviluppa in una limpida tonalità di la maggiore, il cui carattere estroverso si ricollega all’insigne dedicatario.
Ecco poi la prima delle due Sonate op.14 (1798), che si apre con un amabile Allegro di genuina freschezza melodica e sorgiva spontaneità, cui fa seguito un carezzevole Allegretto imbevuto di charme già quasi schubertiano, e infine l’agile scioltezza di un garbato Rondò.
Importante momento di svolta nell’evoluzione beethoveniana è rappresentato dalle tre Sonate op. 10. Filippo Gamba proporrà la terza, composta da quattro movimenti di inusitata bellezza e vastità. Centro espressivo, il Largo dall’eccezionale afflato, nella fosca tonalità di re minore: uno dei più intensi movimenti lenti della prima stagione beethoveniana.
Infine – ma che finale… – la celeberrima op.13 detta Patetica, dedicata a Carl von Lichnowsky, scritta in un do minore fatalistico e molto Sturm und Drang. Un’opera che rappresenta un vero e proprio punto di non ritorno: pagina di enorme rilevanza storica sotto il profilo linguistico, formale e stilistico, ormai profeticamente proiettata verso l’imminente Romanticismo.

Nel 2000 Filippo Gamba viene premiato da Vladimir Ashkenazy in una luminosa vittoria al Concours Géza Anda di Zurigo, dopo aver ottenuto negli anni precedenti prestigiosi riconoscimenti in concorsi quali Van Cliburn, Rubinstein, Leeds, Bachauer, Beethoven, Bremen e Pozzoli.
Viene quindi invitato dai più importanti festival, dal Ruhr Piano Festival al Next Generation di Dortmund, dalle Settimane Musicali di Stresa ai festival di Lucerna, Oxford, Lockenhaus e Varsavia. Si esibisce a Berlino, Vienna, Parigi, Lione, Amsterdam, Monaco, Atene. Prestigiose sono state, negli anni, le sue apparizioni come solista con orchestre quali i Berliner Sinfoniker, la Wiener Kammerorchester, la Staatskappelle di Weimar, la Camerata Academica Salzburg, l’Orchestra della Tonhalle di Zurigo e della City of Birmingham, sotto la bacchetta, tra gli altri, di Simon Rattle, James Conlon, Armin Jordan e Vladimir Ashkenazy.
Nato a Verona e diplomato al Conservatorio della sua città nella classe di Renzo Bonizzato, oggi Filippo Gamba è professore alla Musik-Akademie di Basilea e tiene seminari d’interpretazione pianistica per il Festival Musicale di Portogruaro, le Settimane di Blonay, Asolo Musica, Music of Southern Nevada.
Fedele a un’idea intima e cordiale del fare musica, coltiva una speciale predilezione per il repertorio cameristico, collaborando con il violoncellista Enrico Bronzi, la violinista Alexandra Conunova e con gruppi di fama internazionale come il Quartetto Michelangelo, il Quartetto Hugo Wolf, il Quartetto Gringolts e il Quartetto Vanbrugh.
La sua attività discografica è cominciata con l’incisione di due Concerti mozartiani per l’etichetta Labour of Love. Per la stessa casa ha poi inciso tre cd solistici dedicati a Beethoven, Brahms e Mendelssohn. Ha inciso due cd per la Sony, in duo con il violinista giapponese Egijin Niimura, e due cd per Decca con Humoreske&Davidsbuendlertaenze di Schumann e l’integrale delle Bagatelle di Beethoven. Di quest’ultimo, beninteso, Filippo Gamba frequenta da sempre anche il grande repertorio, tanto che dal 2015 è impegnato nell’esecuzione integrale delle 32 Sonate al Teatro Comunale di Vicenza oltre che, naturalmente, a Vercelli per il Viotti Festival.

Il prossimo appuntamento con il Viotti Festival è fissato per sabato 31 dicembre al Teatro Civico (ore 19,30) con il tradizionale e attesissimo Concerto di Capodanno.

Ingresso unico a 10 €

Ritiro biglietti:

Box office Teatro Civico (via Monte di Pietà 15, Vercelli)

Sabato 17 dicembre 2016 dalle ore 17,00 alle ore 19,00, dalle ore 20.00 alle ore 21.00

INFO: biglietteria@viottifestival.itwww.viottifestival.it

tel. 011 75.57.91 dal lunedì al venerdì ore 9.00 | 16.00

+

18 dicembre – NataLeone 2016 – Natale al Museo Leone 20
15 dicembre – Incontri del giovedì – Università della Terza Età 14
Fino al 7 gennaio – Natale in trasferta: laboratori per bambini all’ex 18 41
17 dicembre – Viotti Festival “Concerto di Filippo Gamba” 44
Fino al 8 gennaio – Mostra “Renzo Roncarolo 1916-2016” 135
Fino al 8 gennaio – Concorso “Presepi nel Mondo” 117
Fino al 8 gennaio 2017 – NataLeone 2016 130
Fino al 29 gennaio 2017 – Pattinaggio su ghiaccio 293
Fino al 13 dicembre – Gruppi di Parola 359
Fino al 25 marzo 2017 – Passeggiando tra Sacro e Profano. 496
Fino al 15 gennaio – Mostra “Il Sapere Portatile. Farmacie da viaggio e testi medici “ 611
17 dicembre – Mercatino “Gusto, sapori e arte” 426

dal sito:http://www.comune.vercelli.it/cms/it/eventi-e-spettacoli/index.php?Itemid=2

è natale…avviso di evento

dicembre 6, 2016 Lascia un commento

Dai a ogni giornata la possibilità di essere la più bella della tua vita.

(Mark Twain)

bbalpinooo

Egregi,

sono Daniela Fontanesi, vicepreside del Liceo Artistico Ambrogio Alciati di Vercelli.

Vi invio comunicato relativo all’iniziativa che vede il coinvolgimento di allievi e docenti del Liceo Artistico Ambrogio Alciati .

Domani alle ore 10,00 presso la Chiesa di San Bartolomeo a Trino si inaugura  il “PRESEPE SOLIDALE ALPINI 2016” realizzato in collaborazione tra il Liceo Artistico Ambrogio Alciati sede di Trino e Sezione Alpini di Vercelli e Trino, con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Trino.
All’interno della Chiesa saranno esposti i disegni dei bambini delle scuole I.C.S Scuola Materna “Walter Ferrarotti” e della Scuola dell’Infanzia Mamma Margherita.
Un grazie alla nostra Dirigente Adriana Barone, al Parroco di Trino Jack Jancosz , un grazie a Sergio Tricerri e a tutti gli splendi alpini e all’Assessore Alessandra Pitarresi.
Questa delicata operazione denominata “E’ Natale… regala un futuro a chi ha perso il proprio passato’” e’ dedicata alle popolazioni terremotate di Norcia e Amatrice.
Quest’anno i nostri allievi, coordinati dai loro docenti hanno pensato ad un presepe dedicato alla fratellanza e alla solidarietà, grazie ad un’operazione di sensibilizzazione culturale , artistica e religiosa, dedicata alla catastrofe sismica che sta toccando il Nostro Paese e, in particolar modo, a coloro che hanno bisogno di speranza e sostegno per continuare a vivere.
All’interno della chiesa ci sarà uno spazio dedicato alla raccolta fondi, in parte già iniziata dal nostro Istituto e dagli alpini .
Poter essere utili ci fa sentire più vicini a chi ha perso tutto.

aa

L’evento sara’ condiviso dagli allievi del Liceo Artistico Ambrogio Alciati sede di Vercelli e da tutto l’Istituto Superiore Lagrangia che, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Vercelli, gli Alpini, la Protezione Civile di Vercelli e l’Amministrazione Comunale di Vercelli, realizzeranno un imponente Presepe che occuperà tutta la chiesa sconsacrata di San Vittore, situata nel centro storico della città, e che sarà inaugurato Venerdì 16 dicembre alle ore 11.00, e ospiterà le macerie di Norcia e i disegni della Scuola di Amatrice. 

Cordiali saluti

Prof.ssa Daniela Fontanesi

Per info

+

evento domenicale,oggi.

novembre 27, 2016 Lascia un commento

Dai a ogni giornata la possibilità di essere la più bella della tua vita.

(Mark Twain)

+

27 novembre – “Dance Emotions”

L’Associazione Perdincibacco Aiutiamoci Onlus che fornisce sostegno alle famiglie con figli disabili psico-fisici in Vercelli, il giorno 27 Novembre 2016, alle ore 17.00, presso il Teatro Civico (in Via Monte di Pietà), darà vita ad uno spettacolo gratuito in cui si esibiranno gli allievi della scuola professionale di danza “DanzArte”, guidate dalle insegnanti Annalisa Braghin e Nicoletta Guizzardi, dal titolo DANCE EMOTIONS.

Sempre durante lo spettacolo ci sarà occasione di raccogliere fondi, con un offerta libera all’ingresso per favorire le attività socio-ricreative dell’Associazione, che dal 2012 si occupa di creare momenti e spazio di incontro per le persone disabili adulte, favorendo l’inserimento sociale e prevenendo così l’esclusione; ma non solo sempre durante l’evento si cercherà di coinvolgere la cittadinanza cercando di avvicinare le persone al volontariato e perché no, invitarle a mettersi in gioco proprio con le nostre attività?

Lo spettacolo è stato realizzato con il sostegno del Centro di Servizio CTV – Centro Territoriale per il Volontariato e grazie al prezioso contributo del Comune di Vercelli che, grazie al suo patrocinio, ha reso possibile l’evento.

“Il movimento genera in noi delle emozioni che influiscono sul nostro modo di pensare, e più il movimento è gioioso e più alta sarà la qualità dei pensieri e quindi più facile sarà trovare una soluzione alle difficoltà della vita; allora quando sei in una situazione difficile: Balla!”.

 

Per informazioni: http://www.perdincibacco.it o trovarci su fb

http://www.comune.vercelli.it/cms/it/eventi-e-spettacoli/27-novembre-dance-emotions.html?Itemid=2

mostra al salone dugentesco vercelli

novembre 21, 2016 Lascia un commento

b-alessandro-gilardino-niccodemi

Numerosissimi gli estimatori e gli appassionati che si sono ritrovati presso il foyer del Salone Dugentesco per l’inaugurazione della mostra di debutto a Vercelli di Alessandro Gilardino Nicodemi, giovane e talentuoso pittore nato a Ivrea ma residente in città che ha mosso i suoi primi passi nel mondo dell’arte con il maestro Gastone Cecconello.

ffconcerto-del-maestro-barbero

A dare il benvenuto agli ospiti, nello spettacolare scenario del Salone Dugentesco, il maestro Gianluca Barbero che ha offerto un applauditissimo recital di chitarre con musiche di Francisco Tárrega e Angelo Gilardino.

bb-sam_2744

cc-sam_2739

dd-sam_2738

Con un ideale percorso artistico attraverso una trentina di opere rappresentative della sua evoluzione artistica Gilardino Nicodemi si collega alla tradizione dei maestri piemontesi e lombardi dell’Ottocento e del Novecento storico – da Delleani e Tavernier ai maestri del naturalismo informale – ma riflette una concezione non più regionalistica, e ampliata invece a una tematica senza confini, quella della sopravvivenza del paesaggio come memoria e come speranza planetaria.

“Il paesaggio sognato”, questo il titolo della mostra, raccoglie una serie di quadri che testimoniano l’evoluzione del linguaggio pittorico di Gilardino Nicodemi che riprende la grande tradizione del paesaggio riuscendo a comprendere, come acutamente osserva il critico Pier Luigi Pensotti nella sua presentazione, come l’artista rifletta su quanto di bello e unico sia stato realizzato dagli artisti che lo hanno preceduto per poi ricercare la sua originalità, il suo colore, la sua luce, la sua forma per dare vita a paesaggi sognati ma non surreali, a luoghi senza tempo ma non metafisici, accompagnandoci tra risaie in cui specchiarsi e ritrovarsi, nell’intrico dei rami di un bosco, nel silenzio delle distese innevate che evocano le suggestioni dei paesaggi nordici.

E ancora, come osserva Gianni Nuti nella nota critica, l’artista “distende i colori della terra accendendone i declivi e gli altipiani, evocando miti antichi animati da vigore e fertilità, fa immaginare un precipizio che segue e lascia pensare, come canta Pavese, che al di là delle colline ci sia il mare. Di certo, l’uomo che non compare ha plasmato questa natura come un’opera, vi ha proiettato tensioni e felicità, mentre i pensieri più tenebrosi restano relegati dietro un’ombra verdeggiante, nelle brume di un’ora quasi notturna, oppure si velano di un chiarore ultraterreno in lontananza, senza scomparire”.

1-lo-staff-del-teatro-26-che-ha-curato-il-rinfresco-2

Brindisi finale con le golose sfiziosità offerte dal team del Ristorante Teatro 26 di C.so Marcello Prestinari, 26 a Vercelli (nella foto).

La mostra resterà aperta dal 19 al 30 novembre tutti i giorni dalle 16 alle 19.

Michele Catalano, 19/11/2016

michele-mic-2

 

inaugurazione

novembre 18, 2016 Lascia un commento
11img_7807-1

Sabato 19 novembre alle ore 19,00 saranno inaugurati i nuovi spazi espositivi della Casa d’Arte Viadeimercati in via Morosone 3 a Vercelli.

In questa occasione sarà presentata la Collettiva # 900 DeFigurazione con opere di alcuni tra i più significativi Maestri dell’Arte moderna e Contemporanea, da Modigliani a De Chirico, da Balla a Campigli, da Afro a Fontana e ancora Scanavino, Mastroianni, Tozzi, Carrà, Sironi, De Pisis, Guttuso, solo per citarne alcuni.

La presentazione della Collettiva sarà effettuata dal critico Luisa Facelli mentre gli “Ozone” composti da Mauro Ghiani, Alessandro Baici e Daniele Michelone ci accompagneranno nella serata con la loro musica.

Il servizio di ristorazione sarà seguito da Marco Ripa Chef mentre la mescita vini da Mauro Adami. I rossi sono stati consigliati da IndyWine, i bianchi da Mauro Adami e i rosè da Carlo Manco. Il critico Luisa Facelli, nella prefazione al catalogo, scrive tra l’altro: … “Qui, questa sera, 19 novembre 2016, altre storie, ben più interessanti di questa, potrebbero raccontare gli intatti mattoni della volta, rosseggiando antichi in dialogo con le pareti grandi, generose di questa galleria allestita con sobrietà grandiosa: l’ossimoro chiave di volta, antiretorica. Promesse di accoglienze a venire, se è ben vero che la Casa d’Arte è riuscita a tenere il passo, in altre due sedi espositive, per sedici lunghi anni di coraggiosa ininterrotta attività.

Eccoci qui, come negli anni precedenti, pronti ad ammirare chissà quanti e quali altri artisti negli spazi di un antico palazzo, all’imbocco di Via Morosone nel tratto del cosiddetto Rialto. Per un momento chiudete gli occhi: ascoltate il rumore dei passi sull’acciottolato del vicino Corso Libertà (non traballate sul tacco 12) e l’eco del chiacchiericcio che sale insieme all’aroma dai caffè di Piazza Cavour, con ovattato brusio di vita. Adesso riaprite gli occhi, camminate lungo la via: come un fiume piccolo, ma bizzarro si slarga in un gomito, a sinistra, poi torna a restringersi. Budello fiorito di terrazzini nascosti, di bucati intravisti in uno scorcio che lascia supporre altane, pergolati, segreti di vicolo. Infine la foce: via Foa, il ghetto, la sinagoga… maestoso monumento alla memoria. Sempre. Ecco fatto: le suggestioni non mancano proprio, in questo angolo di centro storico, cuore non solo squisitamente medievale di una città, la nostra, dalla “scontrosa grazia” (come si ruba sempre bene ai poeti! Grazie Saba).

Gli affezionati frequentatori della Casa d’Arte converranno che le sue scelte hanno privilegiato grandi maestri, più giovani artisti ormai affermati, e ne hanno visti crescere altri, insieme alla galleria stessa. Me ne vengono in mente tanti, e molte personali curate con entusiasmo dalla Casa d’Arte. Ma senza far torto a nessuno, rivedo la spregiudicata bellezza dei pennini di Colombotto Rosso? Ve li ricordate i disegni erotici a china? Che personale!

E lui, lui, gran signore, scandalosamente verginale in quella sua bellezza, che pareva non scalfita dagli attacchi del tempo. Quanti eventi artistici, in questi sedici anni, e anche quante performance di scrittori e poeti, sempre cercando di coltivare un modo di intendere e fare cultura, dinamico, trasversale, capace di mettere a fuoco snodi fondamentali del panorama artistico di ieri e di prospettarne altri di oggi.

Senza trascurare neppure alcuni artisti locali di talento.”

+

I Collezionisti che desiderino ulteriori informazioni sulla Galleria, sulle opere proposte, sulle modalità di acquisto, sulle spedizione o su altro ancora potranno contattarci:
“CASA D’ARTE”
Associazione Culturale
Via G.B. Morosone 3
13100 – VERCELLI

+39 347 2554103 – +39 328 6725445
ATTENZIONE:NON RISPONDIAMO A NUMERI NON VISIBILI

La Casa d’Arte è aperta solo su appuntamento, tutti i giorni anche festivi

E’ consigliabile contattarci con un preavviso di almeno 24 ore.

e-mail viadeimercati@gmail.com

http://www.viadeimercati.it/

http://www.viadeimercati.it/chi-siamo/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: