Archivio

Posts Tagged ‘vercelli città di eventi’

una domenica d’ottobre,con sole.

ottobre 15, 2017 Lascia un commento

Anche Vercelli presenta le sue gradevolezze quando c’è il sole di domenica.Oggi ad esempio ho preso la mia bicicletta e mi sono avviato verso il centro.Erano le tre del pomeriggio.

+

Giro da via Gioberti entrando in via Foa dove c’era parte dell’antico ghetto e vedo gente radunata dinanzi la locale sinagoga.Oggi ci sono visite guidate.Vedo nel gruppo,uno dei tanti di oggi pomeriggio,una signora che conosco e le chiedo se posso metterla sul blog.

La sig.ra Maria Panella sorella della più nota Andreana.

un gruppo in posa per il fotografo ufficiale

la facciata della Sinagoga

Risalgo sulla mia bicicletta e passando da piazza dei Pesci dove ci sono dei banchetti della solidarietà mi avvio verso piazza Cavour a farmi un caffè da Taverna & Tarnuzzer bar pasticceria.

Quindi giro per via Verdi verso il Museo Leone.

C’è un’esposizione in corso dell’incisore vercellese Armando Donna che è stato mio insegnante di disegno.

 

Quindi vado in ARCA in via Galileo Ferraris dove anche qui c’è un’altra esposizione…IncontrArti…

Opera dalla mostra “IncontrArTi. Simboli e riflessi verso l’Oltre”
+
e chiudo il giro della giornata a Studiodieci dove ci immortalano al plurale perchè incontro un amico mentre visito la mostra dal titolo:Materia Oscura
+
la sigra Paola Zorzi una degli artisti
+
l’editore a sin.con il sig Michele Catalano che gli affezionati lettori conoscono per i suoi articoli di critica.
Nei locali di Studiodieci
+
e questa è la mia vecchia Bianchi che uso quotidianamente quando il tempo è clemente.
Vista da Studiodieci City Gallery.
+
Il tour è finito,ma di eventi ce n’erano altrettanti un sacco in giro per altre vie della città,dalle visite del FAI,al Museo Borgogna,la mostra Sequenze…i finalisti del Viotti al Circolo Ricreativo e chissà che altro.
Per me sin troppo.
Ho o non ho i miei anni…?
Bene,per chiudere una passeggiata lungo il corso, e quindi mi sono infilato in bici lungo i viali e me ne sono ritornato a casa.
Saluti.
Annunci

trofeo don secondo pollo

settembre 28, 2017 Lascia un commento

Amin in tenuta da metalmeccanico…

Proprio ieri parlavo di corse podistiche con un giovane migrante che secondo me ce la può fare,essendo infatti un ambulante,di strade ne consuma un sacco.Se poi vince un premio tra quelli segnalati in basso con l’appetito che si porta dietro,diventa l’uomo più felice della terra,dovreste infatti vedere come mangia a quattro palmenti quando affronta un piatto di riso o di spaghetti.

Bene,credo proprio che si debba dare risalto a queste notizie.Aiutano giovani ed anziani e nostrani così come pure stranieri ad aprirsi una via tramite lo sport.

+

20 Trofeo DSP 017

http://www.anavercelli.it/

mostra da nelson bozzini vercelli

settembre 24, 2017 Lascia un commento

Da sin.Nelson Bozzini,il prof.Paracchini finalmente sorridente,e gli artisti in mostra:Valerio Bonadonna e Gianfranco Alessio.

+

COMUNICATO STAMPA

AGLI ORGANI DI INFORMAZIONE – LORO SEDI

INAUGURATA LA MOSTRA “GLI OPPOSTI SI ATTRAGGONO”: ALLA GALLERIA NELSON CORNICI FINO AL 7 OTTOBRE LE OPERE ASTRATTE DI VALERIO BONADONNA E I RITRATTI DEI FAMOSI DI GIANFRANCO ALESSIO.

Davvero numerosi gli estimatori e gli appassionati alla Galleria d’Arte “Nelson Cornici” di Via Walter Manzone 55 a Vercelli per l’inaugurazione della mostra “Gli opposti si attraggono” degli artisti vercellesi Valerio Bonadonna e Gianfranco Alessio.

Ancora una volta Nelson Bozzini, titolare della galleria, ed il Prof. Massimo Paracchini, che ha curato l’allestimento, hanno colto nel segno presentando personalità artistiche certamente diverse ma che in qualche modo si compendiano per un risultato di grande coinvolgimento e suggestione.

Valerio Bonadonna, pseudonimo Bonval, percorre un itinerario tutto interiore che si affida all’immediatezza dell’action Painting col vigore del gesto, fatto di sgocciolature di colore, schizzi, macchie, interventi materici che danno spessore all’opera usando una materia cromatica densa – acrilici e smalti – illuminata da riflessi metallici. Colori accesi, quasi violenti, che riportano alle culture primordiali, ma anche tinte fredde e pulizia formale, che richiamano l’essenzialità del pensiero Zen, riflettendo lo stato d’animo dell’artista, che sembra abbracciare distanze abissali. La ricerca introspettiva si confronta allora con un universo fantastico e onirico che si traduce sulla tela in nebulose lattiginose e spazi siderali in cui l’osservatore, affascinato, pare perdersi.

Così come è tutto interiore il mondo artistico di Bonval, all’opposto Gianfranco Alessio rivolge la sua attenzione artistica al carattere e alla psicologia di personaggi famosi del cinema e del mondo musicale riuscendo nel compito davvero arduo di sintetizzare in un singolo ritratto, di fermare in un unico “fotogramma” le caratteristiche salienti che questi personaggi hanno reso famosi. E lo fa con garbo ed ironia: il cappellone di John Wayne, l’eterno cigarillo che pende dalle labbra di Clint Eastwodd, gli occhi di ghiaccio di Paul Newman, ma anche l’eleganza aristocratica di Audrey Hepburn il fascino e la bellezza di Brigitte Bardot. Ritratti puliti, dai colori delicati e raffinati stesi in sottili sfumature o pennellate vigorose, ma sempre accattivanti, visi famosi che la sensibilità dell’artista propone attualizzati e in chiave più moderna, opere che appagano l’estetica ma costituiscono anche spunti di riflessione e ricordo.

Una mostra davvero interessante, che conferma che l’arte non è solo un genere pittorico, ma la rappresentazione della percezione che gli artisti hanno di sé e dell’uomo più in generale, ciascuno secondo il proprio tempo, la propria cultura e la propria storia. E il pensiero, l’idea che sta dietro al quadro, si tramuta in opera d’arte.

Michele Catalano 24/09/2017

La mostra “Gli Opposti si attraggono” di Valerio Bonadonna e Gianfranco Alessio continuerà fino al 7 ottobre prossimo presso la Galleria Nelson Cornici di via Walter Manzone, 55 a Vercelli con orario 9,00 – 12,00 e 15,00 – 19,00 domenica e lunedì mattina esclusi.

La Mostra, a cura dal Prof. Massimo Paracchini, è patrocinata dalla Banca Popolare di Puglia e Basilicata e dallo Studio Lupo Cavalletti di Vercelli.

+

Le foto sociali della festa ben nutrita di visitatori  le manderemo in onda quanto prima ma se mi chiedete quale sia stato lo scatto migliore,non ci sono dubbi,eccolo:

tutto merito del nipote di Gianfranco Alessio….ovvio.

 

compleanno dell’ambaradan bar & degustazione vercelli

settembre 23, 2017 Lascia un commento

Compie l’anno chiii?

…il bar,ovvio,che ha aperto lo scorso anno e noi gli auguriamo che campi cent’anni sempre con gli stessi titolari:

 Vanessa

e proseguendo poi con Tamara ed Enzo

arrivando quindi a Giorgia,l’amica, in chiaro a destra

e qui ci fermiamo con i nomi salvo menzionare anche Ania,de Cuba,con la macchina fotografica in mano

l’Ambaradan Bar & Degustazione si trova in via Cappellina a Vercelli all’angolo con corso Italia

ed è specializzato nel sorriso…oltre a tutto il resto

+

e per essere la prima festa non c’è male ad essere tra gli invitati

+

una breve carrellata dei presenti e si chiude con 

diavolo!… nella penombra spunta ancora lui…il nostro editore in piedi a destra.

+

il commento di michele catalano

maggio 26, 2017 Lascia un commento

da sin.Gariglio,Pensotti,Albeltaro,Bonadonna,Ferragatta,Elisa Treccani,Torres,Luisa Carpo,Miressi,Givogre.

+

L’orario della mostra è in basso…

Presso il Seminario Arcivescovile di Vercelli l’associazione Artistica “Futur’arte” presenta “Arte ed emozioni”, una mostra collettiva di pittura con una quarantina di opere di dieci artisti vercellesi.

In mostra dipinti di Albeltaro, Bonadonna, Carpo, Ferragatta, Givogre, Gariglio, Miressi, Pellegrini, Torres e Treccani.

Una “location” di grande bellezza e interesse storico come solo il salone del Seminario Arcivescovile di Vercelli affacciato sullo splendido porticato dello Juvarra può offrire e un numeroso pubblico di appassionati ed estimatori con Monsignor Giuseppe Cavallone e l’assessore Daniela Mortara in rappresentanza rispettivamente della Curia e dell’Amministrazione Comunale, hanno salutato il debutto dell’associazione artistica “FUTUR’ARTE” con una interessante mostra collettiva di pittura che presenta, riunite sotto l’accattivante titolo di “Arte ed emozioni”, una quarantina di opere di dieci artisti vercellesi, alcuni già affermati, altri meno noti ma di sicuro talento e animati dall’ambizione di farsi conoscere e apprezzare nel panorama artistico cittadino.

L’Associazione “Futur’arte” nasce il 16 ottobre 2016 ed è formata da cultori ed amatori dell’Arte con la finalità di curare con ogni mezzo possibile la diffusione dell’amore verso l’Arte nelle sue varie manifestazioni – ha spiegato Franco Ferragatta, presidente del sodalizio – per aiutare e incoraggiare i giovani artisti, letterati e studiosi, organizzare conferenze e convegni, allestire esposizioni artistiche e promuovere visite guidate e pubblicazioni di interesse culturale, specialmente in ambito cittadino”.

Pier Luigi Pensotti, presidente dell’Associazione Amici dei Musei, nel suo intervento, ha voluto ricordare le origini dell’associazione, nata come nella migliore tradizione degli artisti “bohemiennes” parigini, tra i tavolini del caffè “Bistrò” – che ospita in permanenza le opere dei soci – e che in breve si è meritata l’interesse e l’apprezzamento degli appassionati.

E sono proprio le emozioni che l’arte è in grado di suscitare il filo conduttore della mostra che accompagna lo spettatore in un percorso ideale di stili e tecniche diverse adottate dagli artisti alla ricerca di un modulo espressivo originale e personale:

Roberto Albeltaro racconta con cromatismi intensi paesaggi straordinari e poetici che nascono dall’infinito confronto tra cielo, terra e acqua, analizzando, con lo sguardo stupefatto di un contadino, un mondo rurale che si sta perdendo.

Valerio Bonadonna presenta opere astratte, immediate, libere e spontanee, con una pittura fatta con spruzzi, macchie, sgocciolature di colore. I segni che ne conseguono configurano un’immagine caotica, un intreccio irrazionale ed informale di colori e linee, frutto di una gestualità che vuole portare in superficie le motivazioni nascoste dell’inconscio.

Luisa Carpo riesce a cogliere con fine sensibilità paesaggi intesi come luogo ideale della mente e del cuore, che diventano scenari per composizioni idealizzate, dove convivono magicamente realtà e fantasia. I soggetti floreali sono trasposti sulla tela con viva espressività e con gusto scenografico in una sapiente orchestrazione di forme, prospettive, colori, luci ed ombre che rivelano l’amorosa partecipazione emozionale con cui l`artista li percepisce.

Franco Ferragatta, fondatore di Futur’arte, ama definirsi un “naif moderno” e si cimenta nella pittura con l’entusiasmo e il disincanto di un fanciullo. Trae ispirazione e spunto dai luoghi della memoria e dalle emozioni più intime che riaffiorano sulla tela con uno stile sempre teso alla sperimentazione, liberato da ogni pastoia prospettica e formale, essenziale, quasi ingenuo ma capace di esprimere uno stato d’animo seguendo l’incontrollabile impulso del profondo.

Giacomo Givogre, artista affermato ma non appagato, trova nella rilettura del paesaggio e nel trionfo della natura sempre nuovi spunti creativi e affida al vigore della spatola e alla forza espressiva del colore il compito di raccontarci il trasporto emozionale che può suscitare un prato fiorito o la furia della risacca sugli scogli .

Paolo Lello Gariglio, riprende gli ovali rinascimentali e li trasforma in un fantastico occhio spalancato su soggetti mitologici e composizioni simboliche più vicini al sogno che alla realtà. Opere intrise di un surrealismo ironico e visionario che realizzano l’incantesimo di rendere l’arte nella sua sostanza emotiva.

Antonio Miressi, seppur giovanissimo nei suoi soggetti ispirati alla natura e al paesaggio, riesce a cogliere aspetti evocativi come il fluire delle stagioni o il viaggio verso l’ignoto, interpretando al meglio la tecnica sviluppatasi in Francia alla fine del 1870 del puntinismo, cioè della stesura per piccoli colpi di pennello accostando i colori complementari col risultato di una intensa luminosità che colpisce e sorprende l’osservatore.

Alessia Pellegrini, anch’essa poco più che diciottenne, sviluppa un linguaggio autonomo, inventando ed elaborando con straordinaria fantasia temi di misteriosa magia poetica, visioni surreali caratterizzate per l’ordine e la chiarezza compositiva, realizzando opere che possiamo paragonare a ideali palcoscenici, su cui sono allestite rappresentazioni ambigue e paradossali.

Gian Paolo Torres dopo una lunga e attenta ricerca di tematiche e sperimentazioni delle varie tecniche, approda ad un linguaggio artistico più simbolico e informale. In questa occasione presenta dei ritratti caratterizzati dalla sottile indagine psicologica dei soggetti, che trova nella magia della scomposizione e ricomposizione di impronta cubista il mezzo per esprimersi al meglio.

Elvira Treccani propone soggetti diversi, immagini simboliche e intense, che esprimono forza e movimento, sensibilità e profondità. Caratteristiche che identificano il suo modulo artistico e caricano di un felice gioco espressivo ogni sperimentazione ed ogni passaggio: di luce, di colore, di segno, di forma.

VC – 26/05/2017 M.C.

L’associazione Culturale “FUTUR’ARTE” presenta la Mostra Collettiva di Pittura “Arte ed Emozioni” –

Presso la Sala S.Carlo del Seminario Arcivescovile di Vercelli

Dal 25 maggio al 4 giugno 2017

Orari: Lunedì – Venerdì 16,30 – 19,00

Sabato e Domenica dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 16,30 alle 19,00

Michele Catalano

https://futurarte.jimdo.com/

evento artistico in seminario

maggio 22, 2017 Lascia un commento

il Seminario arcivescovile di Vercelli dove si terrà l’evento organizzato da Futur’arte.

Per maggiori dettagli…rivolgersi al sito:

https://futurarte.jimdo.com/

vercelli in festa

aprile 11, 2017 Lascia un commento

Gianluca Mercadante a sin nella ns foto alla libreria Mondadori domenica passata.

+

Gli appassionati di fumetti invadono il centro di Vercelli

Un “Comic-Con” di successo con disegnatori di grido come il “papà” di Diabolik, Enzo Facciolo
STEFANO FONSATO
VERCELLI 10-04-2017

Vercelli capitale dei fumetti, Vercelli e il suo Comic-Con.

E’ stato un successo la quinta edizione di «Vercelli tra le nuvole», promossa dal Comune, in collaborazione con l’Università Popolare e l’associazione culturale Creative Comics dal 2 al 9 aprile.

Ma il clou è stato nella giornata conclusiva, quella di ieri (domenica), con la fiera del fumetto, dimostrazioni, divertimento e conferenze, promossi in piazza Cavour e alla poco distante libreria Mondadori, in cui gli autori più famosi appartenenti al gotha del settore, hanno rivelato i segreti delle loro «matite». Senza dimenticare la mostra delle tavole all’ex Diciotto di via Viotti.

 

 

Matite che hanno tratteggiato anche i volti, le caricature degli avventure negli stand sotto la statua di Camillo Benso, in cui sedevano gente tra gli altri i disegnatori di Walt Disney Italia.

Tantissimi applausi anche per lo storico «papà» dei tratti di Diabolik Enzo Facciolo, accompagnato dal suo erede Riccardo Nunziati, presentati da Gianluca Mercadante, moderatore per l’occasione.

Curiosità anche per due firme storiche di Dylan Dog, lo sceneggiatore Claudio Chiaverotti e il disegnatore Giampiero Casertano. Il tutto, nel pomeriggio, tra una gara e l’altra di Cosplay, con i bellissimi costumi dei fumetti più celebri e non.

http://www.lastampa.it/2017/04/10/edizioni/vercelli/gli-appassionati-di-fumetti-invadono-il-centro-di-vercelli-jVXwB3StSWZQocSpmVX7bJ/pagina.html

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: