Archive

Posts Tagged ‘vercelli città d’arte’

casa d’arte viadeimercati vercelli

novembre 22, 2016 Lascia un commento

1presentazione-1

La presentazione

Una breve passeggiata in centro per raggiungere la seconda tappa di un pomeriggio all’insegna dell’arte e della buona musica: in via Morosone 3, nello storico Rialto a due passi da Piazza Cavour, inaugurazione in grande stile dei nuovi spazi della Casa d’Arte Viadeimercati con la vernice della collettiva # 900 DeFigurazione con opere di alcuni tra i più significativi Maestri dell’Arte moderna e Contemporanea, da Modigliani a De Chirico, da Balla a Campigli, da Afro a Fontana e ancora Scanavino, Mastroianni, Tozzi, Carrà, Sironi, De Pisis, Guttuso, solo per citarne alcuni. Tanta gente all’esterno in attesa di entrare nella galleria gremita.

2gruppo-o-zone

Suggestive le musiche proposte dal gruppo O-zone con Alessandro Baici al piano, Daniele Michelone al basso elettrico e Mauro Ghiani alle percussioni, un jazz trio basato sull’improvvisazione libera,senza schemi o programmi, capace di proporre tratti compositivi originali per dar vita a qualcosa di etereo come suggerisce il nome del gruppo, fra gli strati rarefatti dell’atmosfera, dove l’aria pura si trasforma in ozono e dove vivono correnti sonore leggere, fatte da armonie e ritmi senza classificazioni o definizioni, quasi fossero un “riflesso” di tutte le radiofrequenze trasmesse dalla terra.

pubblicodsc00150

Nella sua presentazione a corredo del ricco catalogo della mostra, oltre a una disamina storico-artistica delle opere e del filo conduttore attorno al quale si articola il percorso espositivo, il critico Luisa Facelli ha ricordato come “La Casa d’Arte sia riuscita a tenere il passo, in altre due sedi espositive, per sedici lunghi anni di coraggiosa ininterrotta attività, e come le sue scelte abbiano privilegiato grandi maestri, più giovani artisti ormai affermati, e ne abbiano visti crescere altri, insieme alla galleria stessa nella lunga serie di eventi artistici che oltre a innumerevoli mostre hanno ospitato in questi anni, anche performance di scrittori e poeti, sempre cercando di coltivare un modo di intendere e fare cultura, dinamico, trasversale, capace di mettere a fuoco snodi fondamentali del panorama artistico di ieri, di oggi e di Domani”.

Apprezzatissimo da tutti i partecipanti l’impeccabile servizio di ristorazione seguito da Marco Ripa Chef che ha proposto golose prelibatezze mentre, per quello che riguardava i vini, i rossi sono stati consigliati da IndyWine, i bianchi da Mauro Adami e i rosè da Carlo Manco.

La mostra continuerà fino al 24/12/2016 dal martedì al sabato dalle 15.30 alle 19.30

Michele Catalano

michele-mic-2

luisa carpo sino al 27 ottobre

ottobre 16, 2016 Lascia un commento

ballianounnamed

COMUNICATO STAMPA

Tel. : 0161.213127

Cell.: 349.2199321

a-luisa-carpo

TANTISSIMI GLI ESTIMATORI E GLI APPASSIONATI CHE SI SONO RITROVATI ALLO STUDIO D’ARTE 256 DI VERCELLI IN OCCASIONE DELL’INAUGURAZIONE DELLA MOSTRA “LO SPAZIO E LA LUCE” DELLA PITTRICE LUISA CARPO.

b-luisa-carpo-3

L’ARTISTA PRESENTA DIPINTI, CERAMICHE E ACQUERELLI DELLA SUA PIU’ RECENTE PRODUZIONE, OPERE RAFFINATE CHE RIESCONO A CATTURARE LA BELLEZZA, L’ATMOSFERA E LA LUCE RIFLETTENDO INTENSE EMOZIONI.

Ancora una mostra di qualità a Vercelli preso lo Studio d’Arte 256 creato dal del pittore Ezio Balliano per offrire una vetrina alle più varie discipline artistiche. In occasione della 12.ma Giornata del Contemporaneo, manifestazione promossa da A.M.I.C.I (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiana) per portare l’arte del nostro tempo all’attenzione del grande pubblico, è stata inaugurata la mostra “LO SPAZIO E LA LUCE” della pittrice Luisa Carpo, conosciuta ed affermata pittrice vercellese che presenta dipinti, acquerelli e porcellane di soggetti floreali di grande impatto visivo e paesaggi sognati di taglio metafisico.

L’artista stessa ha accolto il numeroso e qualificato pubblico presente all’inaugurazione conversando amabilmente con gli intervenuti presentando le sue opere e le fonti della sua ispirazione insieme al figlio Mario, che ha tenuto a ricordare, tra gli altri aneddoti, quando bambino accompagnava la madre alle lezioni dei suoi maestri appassionandosi al gusto creativo e al culto del bello tanto da ricoprire oggi l’incarico di docente di storia dell’architettura presso una prestigiosa università londinese. Degli aspetti più eminentemente artistici della mostra ha parlato poi il critico d’arte e Presidente dell’associazione dei musei Pier Luigi Pensotti, che ha messo in risalto, fra l’altro, la capacità dell’artista di perseguire una cifra artistica assolutamente personale e coerente nelle diverse tecniche espressive nel suo lavoro di ricerca e di sperimentazione orientato all’essenzialità e alla purezza del segno e del colore.

Approfondendo l’esame critico è facile notare come nei dipinti di Luisa Carpo, siano essi su tela, su porcellana o in delicati acquerelli, si respiri grazia ed accuratezza tecnica, natura e umanità, voci simboliste con inflessioni metafisiche, a volte addirittura oniriche, ma sempre decantate con grazia e poesia, nell`abbraccio di un tratto segnico attento e sicuro e di un colore raffinato, ricco e vibrante di palpiti vitali.

Nelle opere più recenti l’artista riesce a cogliere con fine sensibilità paesaggi intesi come luogo ideale della mente e del cuore, che diventano scenari per composizioni idealizzate, dove convivono magicamente realtà e fantasia. Le immagini, trasposte sulla tela con viva espressività, rivelano l`amorosa partecipazione emozionale con cui l`artista percepisce i soggetti, che ricompone sulla tela con gusto scenografico in una sapiente orchestrazione di forme, prospettive, colori, luci ed ombre.

Luisa Carpo riesce a catturare la bellezza, l’atmosfera e la luce; racconta e indaga suggestioni e atmosfere impregnate di un sentimento puro che a volte sfocia nel misticismo. Pittura dell’emozione fermata sulla tela come nella pagina di un diario personale, intimo, eppure aperto, in cui riconoscere le nostre e le sue passioni e l’impronta di una forte sensibilità emotiva che fa della materia su cui libera la sua ispirazione tela un sentiero lungo cui sciogliere le corde della sua anima.

La mostra, ordinata presso lo “Studio d’Arte 256” di C.so Libertà a Vercelli sarà visitabile tutti i giorni dalle 16,30 alle 19,30 – Sabato e Domenica anche al mattino dalle 11,00 alle 12,30.

Ingresso libero.

Michele Catalano

michele-mic-2

+

Eccovi alcune altre foto scattate durante il “vernissage”:

l’artista e gli ospiti

2-img_1789

+

1-img_1791

+

3-img_1786

+++

museo borgogna

Museo Borgogna-  appuntamenti di luglio_1 Museo Borgogna-  appuntamenti di luglio_2

Museo Borgogna-  appuntamenti di luglio_3

vercelli news: eventi

maggio 16, 2016 Lascia un commento

mattiuzziDSC00782

L’ambiente dove si espongono dei quadri dovrebbe avere una buona illuminazione,quella che non c’è nella chiesa di San Lorenzo dove prosegue la mostra di Ezio Mattiuzzi sino al 22 di maggio.

+

Rieccovi i nuovi eventi cittadini programmati secondo il sito del comune:

http://www.comune.vercelli.it/cms/it/eventi-e-spettacoli/index.php?Itemid=2

Titolo Visite
21 maggio – Incontro con l’Autore 9
21 maggio – Passeggiando tra Sacro e profano – Visita tematica 8
21 maggio – XVIII Viotti Festival – Stagione Concertistica 2015/2016, Musica da Camera 10
Dal 20 al 29 maggio – “Tracce di guerra” Museo Leone 27
21 maggio – Concerto di Pietro De Maria per il Viotti Festival 9
20 maggio – Incontro con l’Autore 18
19 maggio – Premio 2016 ” Vercellese dell’anno” 14
19 maggio – “Conoscere per comprendere, per condividere” – Incontro 9
18 maggio – Presentazione libro “Casacca bianca. Ogni maledetta domenica” 11
20 maggio – Museo Borgogna “Canti popolari del Piemonte e del Canavese” 12
18 maggio – Museo Borgogna – Un dipinto restaurato e inedito e una pubblicazione: Lucedio barocca 64
12 giugno – 43° edizione “Vercelli che pedala” 59
17 maggio – Diapsi “7° corso per volontari “ 94
27 maggio – “Gender: una questione attuale” 130
19 maggio – Hangar Lab” modulo Formativo itinerante 125
19-26 maggio – Declinazioni del tempo nella contemporaneità 148
17 maggio – Presentazione volume “L’attore di Fuoco. Martin Buber e il teatro” libreria Sant’Andrea 183
27 maggio – Riflessione sul tema “Gender una questione attuale” 190
Fino al 22 maggio – Mostra “Una tavolozza colma di colori” 225
21 maggio – “La cura del corpo. Spiritualità medievale e medicina moderna” 249
Fino al 26 maggio – A camminare vengo anch’io 507
Fino al 11 settembre -“Pionieri, Atleti, Campioni. Cent’anni di sport a Vercelli (1850–1950) 399
21 maggio – Mercatino “Gusto, Sapori e Arte” 381
Fino al 3 luglio – “Per i momenti di fame… archeologica” – Stagione al MAC 2016 1084
Fino all’8 giugno – “Cinerassegna” 2015-2016 al Cinema Italia 1349

siamo in vena di barba e di capelli…

aprile 18, 2016 Lascia un commento

b.dcbe2940f23f68144771094daa908c10

Il barbiere del 1912 di Marc Chagall se pur fu fatto a Parigi con probabilità, descrive il salone di un barbiere ebreo di Vitebsk (Belorussia) dove l’artista nacque e che piaccia o meno resta comunque un’opera non alla portata di tutte le tasche se mai lo trovaste in vendita.

+

bell.MG_1325

Oggi di barbiere ve ne presentiamo anche un altro di fattura a noi sconosciuta e che piaccia o meno è un’opera accessibile ai più.E’ un quadretto non di grandi dimensioni che prende l’occhio come si suol dire.E’ in vendita.Se vi piace non avete che da rivolgervi al seguente indirizzo:

bell1.DSC00668

+

Contiamo di avere offerto il nostro contributo all’arte di un pittore.

venerdi primo aprile ore 18 inaugurazione

Studiodieci -piazzetta Pugliese Levi-Vercelli

invito mostra COMPLETO Fruhlingputz sara ciuffetta

conferenza stampa giovedi 31 marzo ore 11,30 al museo borgogna

untitledborgogna logo

+

mb-6ae5fdd3-4fbe-4445-9395-557190586a08

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: