Archive

Posts Tagged ‘Italia’

Pour 10 euros, Giovanni fait la queue à votre place..

febbraio 6, 2014 Lascia un commento

giovanni-2404933-jpg_2069042

Il sig.Giovanni a 42 anni era attualmente disoccupato da 6 mesi..ma non si è perso d’animo,a 10 euro l’ora fa la coda per voi.

Si reca a casa del pensionato che gli dà la bolletta da pagare,riceve i contanti,paga e restituisce la ricevuta.Va all’agenzia delle Entrate..almeno così si vede nel filmato..in banca..alla Posta.

Risponde anche alle interviste delle tv straniere spiegando non solo cosa gli è successo ma cosa non succede nella nostra burocrazia dove un qualsiasi cittadino deve armarsi di pazienza..molta,se vuole accedere ad uno sportello pubblico.

Cosa non mi è piaciuto..?

Che facciamo ridere i polli di mezz’Europa..ma aggiunge il commentatore..in un paese dove la Corte Costituzionale impiega 8 anni per rendersi conto che una legge elettorale non è costituzionale..beh..un paio di ore di coda davanti allo sportello..valgono bene un sig.Giovanni a 10 euro l’ora.

Passo alcuni indirizzi internet che hanno riportato il fatto…

http://www.lemonde.fr/europe/article/2014/01/31/pour-10-euros-giovanni-fait-la-queue-a-votre-place_4357894_3214.html

La nouvelle profession italienne: faire la queue

http://www.express.be/joker/fr/platdujour/la-nouvelle-profession-italienne-faire-la-queue/201837.htm

http://www.lefigaro.fr/flash-actu/2014/01/30/97001-20140130FILWWW00077-italie-pour-10h-il-fait-la-queue-pour-vous.php

Italie : pour dix euros, il fait la queue à votre place 

http://www.lepoint.fr/insolite/italie-pour-dix-euros-il-fait-la-queue-a-votre-place-06-02-2014-1788701_48.php

siamo forse.. così interessanti..?

agosto 26, 2013 Lascia un commento

bdd3c50c-d498-11e2-8639-00144feab7de

Taranto..una mamma passa il bimbo dal balcone al padre..

+

June 14, 2013 6:36 pm

Made in Italy.

Un concentrato culturale lacerato da discordie politiche, il paese è un argomento irresistibile per gli scrittori – purche abbiano un appetito per la contraddizione.

Ma qualunque siano le sue mancanze, l’Italia è una nazione che proietta probabilmente una sorta di  potere più morbido rispetto a qualsiasi altra parte del mondo – pensate al suo cibo, la sua moda, la sua musica, la sua storia culturale, la sua naturale bellezza.

Inizia così questo articolo del Financial Times che praticamente commenta in un botto solo tre libri che sono appena usciti sul nostro paese.

Il primo è scritto anche in italiano,sicuro,l’ha scritto un italiano..Edoardo Nesi,tessile di Prato.

Story of My People, by  Edoardo Nesi, Other Press, RRP£13.99/$19.95, 176 pages

Italian Ways: On and Off the Rails from Milan to Palermo, by  Tim Parks, Harvill Secker, RRP£16.99/$25.95, 288 pages

Mafia Republic, by John Dickie, Sceptre, RRP£25, 544  pages

Allora un po’ di tessile di Prato coi cinesi,un po’ di rotaie ferroviarie da nord a sud,un po’ di repubblica mafiosa.

Sarà tutto vero di come veniamo descritti per far contenti gli stranieri..?..

Difficile dirlo,trovo interessante  le righe  finali che riporto tale e quali:

Se l’Italia vuole rigenerare se stessa, e vivere all’altezza del suo magnifico passato,nel presente come nel futuro, deve fiorire un movimento di cittadini perchè una scrollata di spalle stanche non pare più accettabile.

Nel declino della macchina politica che ha governato gli italiani dal dopoguerra ad oggi, ecco che appare dunque.. anche un’ opportunità….

+

Quella di crearlo…eccoci…siamo qui.

(pssssshhh…dentro di me è da tempo che penso a Grillo… ed al suo movimento).

+

Made in Italy

By John Lloyd

A cultural powerhouse riven by political discord, the country is an irresistible subject for writers – providing they have an appetite for contradiction

+

Italy is now seriously threatened by its own ungovernability. The collapse of the so-called “Second Republic” dominated by Silvio Berlusconi and the end of Mario Monti’s 18 months in power have left a cobbled-together, right-left-centrist government under Enrico Letta with grim valleys of austerity to traverse and steep mountains of reform to climb. All the while, as rightwing and leftwing populisms grow, the European Union is being transformed, in many Italian minds, from a benign and generous zio (uncle) into a malignant matrigna (stepmother) wearing an Angela Merkel mask.

Yet whatever its failings, Italy is a nation that arguably projects more soft power than any other in the world – think of its food, its fashion, its music, its cultural history, its natural beauty. Resolving contradictions, as three new books amply demonstrate, will always be part of the task of writing about this country.

For Tim Parks, the perennial tension is between “the ideal and the real”. In Italian Ways, he argues that Italians “do not register the contradiction between rhetoric and behaviour”, and are insouciant about discarding or discrediting civic virtues. The historian John Dickie goes further into the dark side, pointing in Mafia Republic to the passivity of the masses and the compliance of politicians before the brutality of organised crime in the south. Were the region to be an independent state, he notes, it would be a failed one.

It wasn’t always seen like this. From the 1950s to the 1980s, much of Italy was a charmed place, its beauty wreathed in wealth. Edoardo Nesi’s gracefully nostalgic memoir, Story of My People, is of that time. Born in 1964, he was young when postwar Italy was young, when industrial enterprises pulled the country into the European premier league. Much of that dynamism was to be found among small and medium-sized companies, in the food business, the furniture business, the leather business, the spectacles business. In Nesi’s case it was textiles and the family-owned Nesi & Figli in Prato, a bustling town that since medieval times has helped underpin the economy of nearby Florence.

Nesi, while dreaming of becoming a writer, yoked himself to the family firm. He was sustained by the thrill of working “in that blessed part of Italy where everyone seemed to move at the frenetic velocity of the little men in Buster Keaton films”. This was a time when Nesi & Figli could scarcely keep up with demand, and when its main customer was a German entrepreneur who once, after a negotiation, insisted on paying 10 pfennigs more than the asking price. Nesi’s was a busy but also a languid existence, with holidays spent under the ombrellini in the Tuscan elite resort of Forte dei Marmi.

By the 1980s, the wider world was invading the postwar European garden. The new order was shaped by an ideology that had Nesi’s fellow Pratesi “ready to hand themselves over to the giant corporations of the world garment industry … [which] are the true beneficiaries of globalisation”. After selling the family business (and becoming a well-known writer), Nesi accompanies a police raid on one of the factories of the new Prato: it’s a Chinese-run sweatshop owned by two 20-year-olds, where workers sew garments “with fabrics that they import from China … but they still therefore have every right to label their rags Made in Italy”.

You feel saddened for the narrator and his family, and what they have lost. You feel saddened with him too, as you recognise in yourself something of the same regret for a world – not just an Italian one – that is passing. The fact that this regret is thickly gilded with sentiment makes it no less poignant. Edoardo Nesi has mined his own memories, and thus touches ours.

Tim Parks has none of that emotional baggage. An Englishman who moved to Italy knowing nothing of the language, he has, in the 32 years since he arrived, become one of his adopted country’s most sensitive interpreters, in fiction and in essays. In Italian Ways, he explores the country by rail – believing, as he explains to a Sicilian hotelier, that all Italy “could be teased out” of the way people talk, eat, drive and behave on trains. And, for that matter, how they cross le striscie, the pedestrian crossing. In the UK, cars almost always yield, whereas in Italy “you have to step onto the striscie and start to walk, and only then will the car stop … You need to be courageous”. In a country where power is more frankly admired, perhaps it goes against the grain to give way to a vulnerable pedestrian – especially when the latter’s immunity is conferred by a few stripes on the road painted by a distrusted state.
This is not a “railway book” in any conventional sense. It is sharp-eyed and sharp-tongued about the absurdities of “Italian ways” – the dilapidation of the regionali (local trains), the mixture of indifference and bossiness shown by the railway staff, and the deep chasm between public officials and private workers. This last is brought to life in a comparison between the dismissive waiters in a Milan station bar – “they see most of their customers only once … hence, in a certain sense, these people non esistono, they don’t really exist” – and the friendly, wisecracking barmen in the café near his university, who develop relationships with the professori and work with attention, even pride.

Parks’ wanderings take him to the south, about which he shares the northerners’ trepidation – “it is corrupt, it soaks up our tax money, and when it isn’t corrupt it’s superstitious, primitive, sentimental”. He traverses Sicily and then crosses back to the mainland, ending in Otranto, a town in the tip of Italy’s “heel”, site of the castle made famous in Horace Walpole’s gothic novel The Castle of Otranto (1764) – which, when he visited, housed an Andy Warhol exhibition titled “I want to be a machine”. “The truth is, you can’t visit the past”, Parks reflects. “Travelling by train means sharing a common fate”, he writes in the final pages of the book. “We know we will not reach enlightenment.”

He barely mentions the mafia in his southern travels – though it is Italy’s principal hard-power export, and has done much to define the country’s image abroad. John Dickie’s work, which spans the academic and the popular, is nearly all on that subject: in his bestselling Cosa Nostra (2004), Mafia Brotherhoods (2011) and now in Mafia Republic, he focuses on the submissiveness of Italian politicians faced with these violent “states within a state”. Until the 1970s, much of official Italy denied their existence, professing to see in the Cosa Nostra merely an expression of Sicilian temperament. When mafia “Men of Honour” were arrested, they were often paroled, or treated with leniency and even respect in prison.

Dickie notes that, in the Christian Democrat period, the ruling politicians wanted the votes that the mafia could deliver. The Communists, meanwhile, fought the mafiosi and were often killed by them – including, in 1982, the leading Communist in Sicily, Pio La Torre, whose fatal move was to help bring in a law that criminalised “mafia conspiracy” and who worked closely with the determined Carabinieri commander in Palermo, Carlo Alberto dalla Chiesa, also murdered.

What still amazes me is the heroism of the many magistrates, journalists, politicians, police, Carabinieri and ordinary citizens who have stood up to the mafia at the price – which they well understood – of murder. Towering above them all are the figures of Giovanni Falcone and Paolo Borsellino. The work of these Sicilian-born magistrates in the 1980s and early 1990s ended any pretence of the mafia’s existence. Rather they exposed its murderousness, leading to the 1986-87 “Maxi trial” in Palermo, which began to chip away at an organisation that had launched itself directly against the Italian state.

Falcone was murdered in May 1992, along with most of his security detail, when a bomb blew up the section of motorway on which he and his wife were travelling. Borsellino, writes Dickie, said in his funeral oration that Falcone believed the struggle against the mafia “had to be a cultural, moral and even religious movement. Everyone had to be involved.” On July 19 that year, Borsellino himself was killed by a car bomb.

Most, of course, turned away from the fight. Yet Dickie thinks there are “more reasons for optimism today than at any point in the past”. The security forces have, in the two decades since the Falcone/Borsellino assassinations, been invigorated and benefit from new technology that allows eavesdropping; they have made debilitating arrests, at least in Sicily – though Dickie is more uncertain about the growth crime areas of Naples and Calabria. Apparently taking his cue from Borsellino’s oration, he ends by writing that “the police and magistracy are, at long, long last, doing their job. Now it is over to the Italian people to do theirs.”

It’s a point well made, and not just about the mafia. If Italy is to regenerate itself, to live up to its magnificent past in the present and future, a citizens’ movement must flourish: a weary shrug is no longer acceptable. In the decline of the political machines that have governed Italians since the war, there is also an opportunity.

John Lloyd is an FT contributing editor

+

High quality global journalism requires investment. Please share this article with others using the link below, do not cut & paste the article. See our Ts&Cs and Copyright Policy for more detail. Email ftsales.support@ft.com to buy additional rights. http://www.ft.com/cms/s/2/b920b5bc-d356-11e2-b3ff-00144feab7de.html#ixzz2d6zMqzRV

il naufragio del sirio..1906..

agosto 12, 2013 Lascia un commento

naufragio%20sirio sirio_corpi sir2 image006 6573618607_79703123c6_z sir03

Storie di sempre non vuole dire di accettare supinamente quello che succede senza reagire,anzi,dovrebbe essere tutto il contrario.

Ma non lo è.

Se paragoniamo le disgrazie successe come quella del naufragio del Sirio nel 1906 dinanzi la costa spagnola di Palos alle traversate attuali nel canale di Sicilia di tanti poveri immigranti,vediamo addirittura come i mezzi di trasporto fossero di qualità ben superiore allora che non oggi.

Eppure la storia si ripete e non c’è verso di cambiarla, pare,ma si tratta solo di cattiva volontà,guarda infatti come i maltesi girino con piacere i migranti alle nostre autorità,loro forse o ne hanno già troppi per le loro dimensioni geografiche,oppure non vogliono mettersi contro l’omertà che si nasconde dietro agli scafisti dei negrieri.

Se leggete il pezzo che riguarda il naufragio di un piroscafo oceanico che naviga in acque basse e pericolose nonostante siano di sicuro segnalate nelle carte nautiche alle 4 di un pomeriggio qualsiasi,con buona visibilità,vedrete come ci restano morte 500 persone che con un po’ di calma si sarebbero salvate quasi tutte.

La nave incagliata affondò infatti in dieci giorni…ma l’equipaggio si era anzitempo dato alla fuga,prego,leggete.. e le conclusioni le lasciamo ai nostri lettori.

Si trattava solo di esseri umani impauriti..come quelli che muoiono anche oggi,con gli stessi desideri di farsi una vita migliore in terra straniera a motivo della miseria o delle persecuzioni che pativano a casa loro.

Dite voi..

+

sir05

Il Sirio era una nave italiana costruita a Glasgow atta al trasporto di emigranti italiani inaugurata nel 1883 che naufragò nel 1906 di fronte alle coste del Capo Palos a Cartagena.

La nave aveva due fumaioli alti e sottili e tre alberi a goletta. La velocità iniziale era di 13 nodi, fu aumentata successivamente a 15 nodi.

La nave lasciò il porto di Glasgow il 19 giugno 1883 ed arrivò a Genova il 27 giugno dello stesso anno per poi ripartire il 15 luglio sempre dello stesso anno con destinazione Plata. Il Sirio era usato per trasportare gli emigranti.

La nave salpò da Genova il 2 agosto 1906 sulla transatlantica rotta per il Brasile, Uruguay e Argentina. Il 4 agosto la nave passò di fronte a Capo Palos, sulla costa mediterranea della Spagna. In questo punto il promontorio si prolunga sott’acqua per riemergere poi a formare le piccole Isole Hormigas. La profondità dell’acqua sulla linea ideale che unisce il capo a queste isolette può essere molto bassa, arrivando in alcune zone, dette “Bassi”, ad appena tre o quattro metri. Le rotte marittime dell’epoca quindi giravano all’esterno delle isole per evitare il pericolo di questi bassifondi. Inoltre sopra Capo Palos era stato costruito nel 1864 un grande faro che avvisava della pericolosità di questa costa.

Il 4 agosto del 1906, alle quattro di pomeriggio circa, la nave navigando a tutta forza si incagliò vicino a Capo Palos, perché teneva una rotta troppo rasente alla riva. La prora fu vista innalzarsi con violenza dall’acqua per via della forte velocità. Questa la testimonianza del comandante della nave francese Maria Louise, che assistette allo spettacolo e partecipò all’opera di salvataggio: “Vidi passare il piroscafo italiano Sirio che navigava a tutto vapore. Facevo notare il suo passaggio al collega di bordo quando osservai che esso si era improvvisamente fermato…Vidi la prua alzarsi, inabissando la poppa.

Non vi era più alcun dubbio: il Sirio aveva avuto un urto. Subito feci dirigere il Marie Louise verso il Sirio. Udimmo allora una violenta esplosione: le caldaie erano scoppiate. Poco dopo vedemmo dei cadaveri sulle onde, nello stesso tempo delle grida disperate che chiamavano soccorso giungevano alle nostre orecchie” (citato in: Gian Antonio Stella, Odissee. Italiani sulle rotte del sogno e del dolore, Rizzoli 2004, pag 131.)

Le lance furono messe fuori servizio dall’impatto violentissimo, mentre molti passeggeri venivano scagliati in mare per il contraccolpo e annegarono. Secondo la testimonianza di un passeggero, l’ingegner Maggi, l’acqua entrò nelle cabine di prima classe, poi invase il corridoio di destra e infine lo spazio attorno al boccaporto di poppa e il corridoio a destra della sala macchine. In questa zona della nave si trovavano numerose donne e bambini che rimasero incastrati senza poter uscire e senza poter essere soccorsi.

Il personale di bordo buttò in mare una zattera, che si trovava a poppa, e si allontanò dalla nave insieme al terzo ufficiale, che si chiamava Baglio. Rimasero a bordo solo gli ufficiali, che però persero presto il controllo della situazione.

Il giornale “L’Esare” di Bagni di Lucca riporta questa descrizione: “Furono gettate a mare le lance, ma si riempirono subito di tante persone che, per soverchio peso, le fecero affondare e così tutti i disgraziati che vi erano precipitati invece che la salvezza trovarono la morte. La costa era lontana 3 chilometri dal piroscafo e gli scogli che superavano l’acqua circa un chilometro e mezzo. Venticinque o trenta uomini si salvarono guadagnando a nuoto gli scogli dove rimasero per tutto quel giorno e la notte successiva, senza nulla da mangiare”. Il Corriere della Sera riportò che “il primo senso di stupore degenerò in un batter d’occhio in un folle panico, producendo una confusione indescrivibile.

I passeggeri, correndo all’impazzata e gridando disperatamente, rendevano impossibile l’opera di salvataggio”. Tra le navi che corsero in aiuto del Sirio ci furono anche il Joven Miguel e il Vicenza Llicano. Il comandante del Joven Miguel fece accostare la sua nave alla fiancata del Sirio e imbarcò così trecento naufraghi. Il Joven Miguel però era in zavorra (ossia non aveva carico a bordo) e la presenza di tante persone sul ponte rischiava di minarne le stabilità e quindi di farlo rovesciare.

Nonostante gli inviti, i passeggeri del Sirio non volevano scendere sotto coperta e fu necessario minacciarli con una pistola per farli obbedire. I giornali inglesi, come il Daily Telegraph, insistettero sulle scene di violenza e sulle lotte al coltello per impadronirsi dei pochi salvagenti disponibili.

Una cronaca del tempo narra che la maggior parte dei membri dell’equipaggio riuscì a salvarsi semplicemente perché rimase sulla nave che, essendo incagliata, rimase a galla ancora per dieci giorni.

Le vittime furono stimate inizialmente in 293 persone per arrivare ad un totale finale di oltre 500 unità. Tra le vittime del naufragio vi fu il vescovo di San Paolo del Brasile.

+

Furono aperte subito le inchieste sull’incidente che appurarono che il capitano Giuseppe Piccone diresse con buon senso e giudizio le operazioni di salvataggio e fu l’ultimo a salvarsi

wikipedia.

un bel battibecco…

giugno 10, 2013 Lascia un commento

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

I murali di Diego Rivera intitolati all’industria di Detroit 1932-33.

Fu un fiorire di polemiche in epoca di grande depressione..

+

untitled

Edsel Ford..figlio di Henry,

commissionò il lavoro…

nel ritratto di Diego Rivera del 1932

+

DSC_0832MOD_1280

1923 Henry Ford ci ha dato ottimi consigli per quanto riguarda la concorrenza :

“Il concorrente da temere è uno che non ti dà fastidio in nulla, ma continua a fare il suo lavoro sempre meglio.”

+

I prodotti tedeschi sono migliori di quelli italiani?

Non credo che si possa rispondere così su due piedi ad una simile domanda,avremmo un sacco di persone che propendono per il sì,ed altrettante che propendono per il no.

Una prima risposta è che in Germania e lo dico con il forse..può essere che si produca quello che da noi o non si è mai prodotto, o  non lo fabbrichiamo più.

Per mille ed una ragione,alla base delle quali sta un sola parola: la concorrenza.

Mussolini ha fatto delle buone leggi?

Se non ne avesse fatte non sarebbe stato un capo di stato,risponderei.

.. molte leggi buone furono ispirate ad altrettante leggi buone emesse nello stesso periodo o in precedenza da altri stati a noi vicini,e che da noi mancavano…

mentre molte leggi cattive furono di sua esclusiva pertinenza o quasi.

Non fece dunque nulla di più di quanto fosse dovuto per l’incarico che ricopriva e per cui era pagato a fine mese,ma dati gli eventi successivi,finì come finì.

Un partito che prende il potere con la violenza,dovrà finire con la violenza,non so dire però in quante generazioni.

Intanto ne esce che c’entrano eccome anche i periodi storici,infatti con comunicazioni veloci o meno,ogni evento che possa essere di interesse internazionale si allarga d’immediato a macchia d’olio dappertutto.

Noi amiamo comprare tedesco perché i tedeschi hanno la fama di costruire e di lavorare bene.

I tedeschi amavano comprare il nostro tessile,quando l’avevamo,perché gli italiani avevano buon gusto ed inventiva.

E poi?

Poi però consegnavamo male,e sinchè gli imprenditori avevano gli operai in casa a tagliare,cucire e confezionare.. i problemi erano limitati.

Ma nel momento in cui tu tagli da una parte,cuci dall’altra stiri di qua ed impacchetti di là,tutto l’incastro deve funzionare a menadito,pena tenere della gente non alle tue dipendenze con le mani in mano in attesa del tessuto.

Ed arrivano richieste di penali.

Ripartiamo dal fenomeno tedesco,e non dimentichiamo che anche nei settori dove sono forti,tipo il metalmeccanico,non è che da noi mancassero per esempio fonderie e le acciaierie che tra l’altro in molti casi erano già in origine di provenienza tedesca, e che quindi permettevano di formare dei buoni tecnici anche in Italia,copiando dai loro sistemi e viceversa.

Da noi mancava la concorrenza,per cui un buon fabbricante estero,non appena arrivato ad installarsi a casa nostra dimenticava in fretta le regole di casa sua adattandosi alle nostre,e noialtri, in regime di concorrenza aleatorio,si finiva col fabbricare sempre male e costoso,e se mai i bilanci a fine anno presentavano sorprese, finiva che lo stato o i sindacati ci mettessero poi il becco.

O meglio,ne veniva fuori il conguaglio.

A casa di noialtri o si scappa per non dire andarsene, o si paga per mettere a tacere il concorrente meno favorito.

Berlusconi ha tre televisioni.

Troppe dice la concorrenza politica.

Ma nessuno critica il fatto che lo Stato abbia tre canali da dare in pasto ai partiti e che non resti spazio per ulteriori imprenditori privati sul mercato.

Ci fosse posto,ci sarebbero anche altri concorrenti.

Ma è lo stato in prima persona o chi per esso che non vuole concorrenti.

Il livello delle informazioni e delle trasmissioni sarà di conseguenza quello che passa il convento,non si scappa…

Si paga.

La Chiesa per secoli su secoli ha preferito avere diatribe esistenziali con gli Ebrei e quanti altri dissidenti  in luogo di dedicarsi anima et corpo a toccare il polso ai monarchi assoluti o dissoluti.. su questioni morali e temporali di interesse sovranazionale.

Ma finita la concorrenza, anche per Lei i tempi sono duri ed è lì da vedere come si trova oggi con sacerdoti importati che al momento della predica non sanno neppure parlare l’italiano.

Senza trascurare che ogni fatto di cronaca è ormai degno di attenzione clericale e propagandato attraverso i media quotidianamente,per cui a forza di citare sempre tutto e quanto più,le cose più importanti finiscono col passare in second’ordine.

Nessuno riesce più a distinguerle.

Dipende sicuro molto anche dalle epoche.

Ma tornando a noi non è che noi si fabbrichi male rispetto ai tedeschi,da noi si fabbrica poco e non di tutto,facendo poco conto di un mercato che se pur è stato dominato da chi arriva per primo e lo mantiene a gran soldi di pubblicità,probabilmente è ben più grande di quanto non si creda.

La realtà è che oltre ai soldi che non sempre ci sono, ed agli ostacoli burocratici posti in essere dai vari governi,mancano le idee e senza idee non si va avanti.

Tutti cercano la protezione associandosi, ed il tutto finisce in quello che gli economisti definiscono un cartello,ovvero dove prezzi e condizioni e quanto altro vengono concordati più o meno sottobanco a danno dei consumatori ed i risultati sono lì che parlano da soli.

Iniziamo con le banche per seguitare con le assicurazioni.

Maggior protezionismo uguale a maggior inefficienza,anzi, si va più rapidi in malora.

Il mercato è il fattore più importante dove si giocano i destini.

Di tutti.

Ora che la concorrenza sia leale o sleale è difficile da appurare,ma se tu non fabbrichi un prodotto che si vende,gli altri hanno già vinto.

I Giapponesi sono partiti dopo la guerra con molta umiltà,fotografando tutto, e copiando alla grande,ma avevano bisogno di creare prima che non di espandere una loro economia, e ci sono riusciti.

Non per un anno ma per decenni.

Noi nel periodo della ricostruzione abbiamo denunciato i primi limiti,montandoci la testa a suon di uscite di cassa,ed oggi gli operai delle lavatrici sono scesi in piazza

E non sono i soli.

Cosa abbiano le lavatrici tedesche in più delle nostre non lo so. Cosa abbiano le auto tedesche in più delle nostre non lo so.

Ma il fatto che Fiat oggi se ne vada in USA, dopo essere stato l’unico sopravvissuto nostrano al 1900,e dopo avere mollato tanti altri settori per la strada come le ferrovie,gli aerei,i grandi motori e chissà che altro, ecco che tante cose la dicono poi lunga su qualche malessere intrinseco alla nostra società.

E’ ovvio che un compratore acquisti fuori dall’Italia quando da noi un prodotto non si trova.Ma a parità di condizioni qualcosa dovrebbe fare premio sull’acquirente,uno sconticino forse,ed invece no.

Lascia stare lo snobismo dell’erba del vicino,ma perché non sono sorti nuovi imprenditori con prodotti concorrenziali ed anzi hanno invece chiuso in molti casi?

Se devi pagare il pizzo a tutti, è chiaro che falllisci,ma anche chiedere protezione allo stato non è sempre dignitoso per un imprenditore privato,eppure..eppure sapendo che i soldi basta alzare la voce ed arrivano,ecco che invece di pensare a fare della ricerca in fabbrica si monta casa a Roma per essere più vicini ai corridoi.

I giornali?

Sono tutti un cartello almeno nell’azionariato,e sono pure sponsorizzati da leggi a discapito del cittadino ed a favore di chi c’è invece dentro.

Senza le buste d’incoraggiamento statali probabilmente sarebbero ben più ridimensionati, permettendo l’ingresso sul mercato a gente nuova.

Allora,l’auto tedesca è meglio di quella italiana?

No,infatti basta prendere ad esempio la Nuova 500 che non la si voleva costruire,e la trovi dappertutto in tutta Europa.E la si paga anche salata ed è copiata un po’ da tutti.

Se lo stato non pagasse uno a discapito dell’altro,i vari segmenti di fabbricazione nell’ auto sarebbero forse ancora vivi e divisi per fabbriche più piccole.

Avremmo avuto la Fiat nel suo settore di appartenenza,la Alfa Romeo di una volta nel suo settore,forse la Lancia perché no,nel suo settore, e salendo verso modelli più sofisticati esisterebbero altre aziende ancor più piccole.

Invece è successo tutto il contrario.

I piccoli hanno chiuso,e progressivamente andando verso i grandi chiudono anche loro o se ne vanno.

L’Europa è una specie di mercato.. delle poco di buono…e noi poveri illusi cittadini non ne sappiamo nulla dei risvolti che succedono tra politicanti.

Come i buoi siamo chiusi nella stalla,non c’è una guida economica che dia delle direttive chiare,ed un po’ tutti abbiamo ingrassato l’industria tedesca che coi profitti da noi generati ora presta soldi agli europei del sud, impiccati di debiti come ci troviamo.

Nel periodo dei tassi favorevoli si cantava vittoria ma un governatore a noi vicino di una qualche banca nazionale che ammonisse delle bolle speculative non l’abbiamo avuto.

Spiegatemi ora come con Pinochet ed i Chicago Boys.. il Chile sia oggi al vertice economico del latino America quando la concorrenza fa a pugni con un regime che doveva essere..in assenza di ogni libertà…(!?)..

Vorrà mica dire che sotto Pinochet c’era più libertà di fare che non da noi..??

++++

se ne avrà male qualcuno..se la pubblico?

aprile 21, 2013 Lascia un commento
l'Unione informa
ucei
moked è il portale dell'ebraismo italiano
alef/tav
Mosè guidò il popolo fino a centoventi anni senza perdere la sua freschezza e la sua capacità di vedere. Ma il suo successore Giosuè gli era già accanto da tempo

Benedetto Carucci Viterbi, rabbino

http://www.moked.it/unione_informa/130421/130421.html

+

Chi l’ha detto che la Bibbia è noiosa…o è una favola?

Come per tutte le cose è meglio entrare..accompagnati.. da qualcuno che ne sia esperto..e puoi trovarci anche quel wiz ebraico  che significa ‘prendere la cosa in modo ironico-scherzoso (con un profondo senso della vita sedimentato da un’esperienza millenaria e da una cultura polimorfa pari in chi scherza).

+++

Facciamo bis..??

+

David Bidussa, storico sociale delle idee    

Alla fine la scelta è stata l’ “usato sicuro”. Il problema, sia chiaro, non è la qualità della persona, ma quanto si è riversato su quella persona. Più precisamente il peso che si è scaricato sulle spalle di quella persona. Perché nel vuoto non conta molto se la persona che si sceglie sia figura di valore e di garanzia. Conta la fuga dalle proprie responsabilità. Tanto per non stare lontano dalla nostra storia è la scena della scelta del re così come ci racconta il Libro di Samuele primo (cap. 8). Una scena che rappresenta la fine di un percorso più che un inizio. Un momento in cui la libertà era dimettersi dalle proprie responsabilità cercandosi un padrone. Anche in quel caso il nodo non era rappresentato dalla qualità della persona prescelta, bensì da quella di coloro che la desideravano.    

         http://www.moked.it/unione_informa/130421/130421.html

ALLARME ELETTROSHOCK: LO PRATICANO ANCORA CLINICHE PSICHIATRICHE IN ITALIA

febbraio 9, 2013 Lascia un commento

elettroshock

Qualche sospetto lo avevamo… ora a quanto pare la conferma. Non dimentichiamo (ma non giustifichiamo) che avere a che fare con persone con problemi psichiatrici spesso è davvero impossibile.

Ma resta il fatto che  in Italia ci sono ancora 91 strutture psichiatriche che propongono l’elettroshock. La situazione più delicata è stata registrata in Sicilia, con 14 strutture che praticano la terapia elettroconvulsivante. E’ quanto emerge dalla relazione finale della commissione d’inchiesta sul servizio Sanitario Nazionale presentata oggi dal presidente, senatore Pd, Ignazio Marino: “E’ un dato che ha sconvolto anche me – commenta Marino – al di là dei giudizi di merito, l’elettroshock dovrebbe essere praticato come ultima terapia disponibile, invece nei centri che abbiamo esaminato spesso viene praticata ancora prima dei più comuni farmaci antidepressivi”.
Una pratica ”sbagliata – ha detto Marino – che va corretta”. In particolare la Commissione auspica ”una regolamentazione piu’ rigorosa delle indicazioni d’uso, ove scientificamente e clinicamente accertata l’inefficacia della terapia psicofarmacologica, con divieto di prescrizione ‘off label”’ e raccomanda che sia usato ”solo in sala operatoria in presidi dove e’ situata una divisione di anestesia”. La Commissione altresi’ invita a prevedere ”l’obbligo di definire il numero massimo di esposizione ai cicli di terapia con elettroshock nel percorso di cura della persona”.

MISS BUMBUM, IL BRASILE ELEGGE IL LATO B PIÙ BELLO DEL 2012 -VIDEO

settembre 28, 2012 Lascia un commento

Questa è una notizia che ci piace davvero molto e siamo sicuri che non interesserà solo il pubblico maschile… no?

Finalmente il Brasile ha eletto il lato B piu’ bello del 2012, e se non l’hanno loro (le brasiliane) il lato B piu’ bello… cliccando Qui il video…

Mentre in Italia si elegge la Miss che rappresenta il Paese, o al massimo la Velina di turno, ( che poi si scopre hard… e si grida allo scandalo),nel paese carioca 27 ragazze si preparano per essere incoronate “Miss Bumbum”. Tutto è pronto per l’edizione 2012 del concorso che elegge il lato B più bello del Brasile. La competizione, organizzata dalla rivista “Sexy”, prevede che tutte le partecipanti siano rigorosamente brasiliane e che non abbiano alcuna inibizione nel mostrare le loro rinomate grazie.

Come in Italia… no?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: