Archive

Archive for the ‘Attualità,curiosità e costume’ Category

sarà solo una questione di dollari?

maggio 29, 2017 Lascia un commento

Angela Merkel ha ribadito che le discussioni sul clima con Trump non sono state soddisfacenti (keystone)

“Non possiamo più fidarci”

La cancelliera tedesca Merkel disillusa il giorno dopo l’incontro con il presidente USA Trump al G7 di Taormina

domenica 28/05/17 17:10 – ultimo aggiornamento: domenica 28/05/17 17:10

Scende il gelo tra Germania e Stati Uniti. “Il tempo in cui potevamo contare davvero sugli altri è in qualche modo finito. E’ questa la mia esperienza negli ultimi giorni”. Così la cancelliera tedesca Angela Merkel da Monaco di Baviera, dove si trova all’indomani della fine del G7 di Taormina. Un vertice nel quale i leader europei non sono riusciti a smuovere il presidente Donald Trump dalle sue posizioni contrarie agli accordi di Parigi contro i cambiamenti climatici. La cancelliera ha ribadito che le discussioni sul clima di venerdì e sabato “non sono state affatto soddisfacenti”.

“Noi europei dobbiamo prendere il destino nelle nostre mani”, ha sottolineato Angela Merkel, secondo la quale le relazioni con il presidente francese Emmanuel Macron devono essere più strette.

AFP/M. Ang.

Con i CORRELATI al sito:

http://www.rsi.ch/news/mondo/Non-possiamo-pi%C3%B9-fidarci-9174451.html

tanto per parlare di…vil moneta

maggio 27, 2017 Lascia un commento

Meno monete nel portafogli

 

Piccoli centesimi… addio

A partire dal prossimo anno le monetine da 1 e due cts non saranno più coniate in Italia

sabato 27/05/17 13:19 – ultimo aggiornamento: sabato 27/05/17 13:19

La commissione Bilancio della Camera italiana ha dato sabato il via libera all’emendamento che sospende il conio delle monete da uno e due centesimi, a partire dal 1 gennaio 2018.

Stando a quanto reso noto dalle autorità italiane è previsto un meccanismo di arrotondamento in caso di pagamento in contanti, al multiplo di 5 più vicino.

L’impatto della norma sarà monitorato dal Garante dei prezzi, assicurano da Roma, che dovrà riferire su base semestrale le eventuali anomalie che saranno segnalate all’organo di vigilanza. La misura sarà comunicata alla Banca centrale europea, entro un mese dall’entrata in vigore.

ANSA/bin

http://www.rsi.ch/news/economia/Piccoli-centesimi%E2%80%A6-addio-9170932.html

il commento di michele catalano

maggio 26, 2017 Lascia un commento

da sin.Gariglio,Pensotti,Albeltaro,Bonadonna,Ferragatta,Elisa Treccani,Torres,Luisa Carpo,Miressi,Givogre.

+

L’orario della mostra è in basso…

Presso il Seminario Arcivescovile di Vercelli l’associazione Artistica “Futur’arte” presenta “Arte ed emozioni”, una mostra collettiva di pittura con una quarantina di opere di dieci artisti vercellesi.

In mostra dipinti di Albeltaro, Bonadonna, Carpo, Ferragatta, Givogre, Gariglio, Miressi, Pellegrini, Torres e Treccani.

Una “location” di grande bellezza e interesse storico come solo il salone del Seminario Arcivescovile di Vercelli affacciato sullo splendido porticato dello Juvarra può offrire e un numeroso pubblico di appassionati ed estimatori con Monsignor Giuseppe Cavallone e l’assessore Daniela Mortara in rappresentanza rispettivamente della Curia e dell’Amministrazione Comunale, hanno salutato il debutto dell’associazione artistica “FUTUR’ARTE” con una interessante mostra collettiva di pittura che presenta, riunite sotto l’accattivante titolo di “Arte ed emozioni”, una quarantina di opere di dieci artisti vercellesi, alcuni già affermati, altri meno noti ma di sicuro talento e animati dall’ambizione di farsi conoscere e apprezzare nel panorama artistico cittadino.

L’Associazione “Futur’arte” nasce il 16 ottobre 2016 ed è formata da cultori ed amatori dell’Arte con la finalità di curare con ogni mezzo possibile la diffusione dell’amore verso l’Arte nelle sue varie manifestazioni – ha spiegato Franco Ferragatta, presidente del sodalizio – per aiutare e incoraggiare i giovani artisti, letterati e studiosi, organizzare conferenze e convegni, allestire esposizioni artistiche e promuovere visite guidate e pubblicazioni di interesse culturale, specialmente in ambito cittadino”.

Pier Luigi Pensotti, presidente dell’Associazione Amici dei Musei, nel suo intervento, ha voluto ricordare le origini dell’associazione, nata come nella migliore tradizione degli artisti “bohemiennes” parigini, tra i tavolini del caffè “Bistrò” – che ospita in permanenza le opere dei soci – e che in breve si è meritata l’interesse e l’apprezzamento degli appassionati.

E sono proprio le emozioni che l’arte è in grado di suscitare il filo conduttore della mostra che accompagna lo spettatore in un percorso ideale di stili e tecniche diverse adottate dagli artisti alla ricerca di un modulo espressivo originale e personale:

Roberto Albeltaro racconta con cromatismi intensi paesaggi straordinari e poetici che nascono dall’infinito confronto tra cielo, terra e acqua, analizzando, con lo sguardo stupefatto di un contadino, un mondo rurale che si sta perdendo.

Valerio Bonadonna presenta opere astratte, immediate, libere e spontanee, con una pittura fatta con spruzzi, macchie, sgocciolature di colore. I segni che ne conseguono configurano un’immagine caotica, un intreccio irrazionale ed informale di colori e linee, frutto di una gestualità che vuole portare in superficie le motivazioni nascoste dell’inconscio.

Luisa Carpo riesce a cogliere con fine sensibilità paesaggi intesi come luogo ideale della mente e del cuore, che diventano scenari per composizioni idealizzate, dove convivono magicamente realtà e fantasia. I soggetti floreali sono trasposti sulla tela con viva espressività e con gusto scenografico in una sapiente orchestrazione di forme, prospettive, colori, luci ed ombre che rivelano l’amorosa partecipazione emozionale con cui l`artista li percepisce.

Franco Ferragatta, fondatore di Futur’arte, ama definirsi un “naif moderno” e si cimenta nella pittura con l’entusiasmo e il disincanto di un fanciullo. Trae ispirazione e spunto dai luoghi della memoria e dalle emozioni più intime che riaffiorano sulla tela con uno stile sempre teso alla sperimentazione, liberato da ogni pastoia prospettica e formale, essenziale, quasi ingenuo ma capace di esprimere uno stato d’animo seguendo l’incontrollabile impulso del profondo.

Giacomo Givogre, artista affermato ma non appagato, trova nella rilettura del paesaggio e nel trionfo della natura sempre nuovi spunti creativi e affida al vigore della spatola e alla forza espressiva del colore il compito di raccontarci il trasporto emozionale che può suscitare un prato fiorito o la furia della risacca sugli scogli .

Paolo Lello Gariglio, riprende gli ovali rinascimentali e li trasforma in un fantastico occhio spalancato su soggetti mitologici e composizioni simboliche più vicini al sogno che alla realtà. Opere intrise di un surrealismo ironico e visionario che realizzano l’incantesimo di rendere l’arte nella sua sostanza emotiva.

Antonio Miressi, seppur giovanissimo nei suoi soggetti ispirati alla natura e al paesaggio, riesce a cogliere aspetti evocativi come il fluire delle stagioni o il viaggio verso l’ignoto, interpretando al meglio la tecnica sviluppatasi in Francia alla fine del 1870 del puntinismo, cioè della stesura per piccoli colpi di pennello accostando i colori complementari col risultato di una intensa luminosità che colpisce e sorprende l’osservatore.

Alessia Pellegrini, anch’essa poco più che diciottenne, sviluppa un linguaggio autonomo, inventando ed elaborando con straordinaria fantasia temi di misteriosa magia poetica, visioni surreali caratterizzate per l’ordine e la chiarezza compositiva, realizzando opere che possiamo paragonare a ideali palcoscenici, su cui sono allestite rappresentazioni ambigue e paradossali.

Gian Paolo Torres dopo una lunga e attenta ricerca di tematiche e sperimentazioni delle varie tecniche, approda ad un linguaggio artistico più simbolico e informale. In questa occasione presenta dei ritratti caratterizzati dalla sottile indagine psicologica dei soggetti, che trova nella magia della scomposizione e ricomposizione di impronta cubista il mezzo per esprimersi al meglio.

Elvira Treccani propone soggetti diversi, immagini simboliche e intense, che esprimono forza e movimento, sensibilità e profondità. Caratteristiche che identificano il suo modulo artistico e caricano di un felice gioco espressivo ogni sperimentazione ed ogni passaggio: di luce, di colore, di segno, di forma.

VC – 26/05/2017 M.C.

L’associazione Culturale “FUTUR’ARTE” presenta la Mostra Collettiva di Pittura “Arte ed Emozioni” –

Presso la Sala S.Carlo del Seminario Arcivescovile di Vercelli

Dal 25 maggio al 4 giugno 2017

Orari: Lunedì – Venerdì 16,30 – 19,00

Sabato e Domenica dalle 10,00 alle 12,00 e dalle 16,30 alle 19,00

Michele Catalano

https://futurarte.jimdo.com/

eventi di provincia: mostra di pittura in seminario…vercelli

maggio 26, 2017 Lascia un commento

Organizzare una mostra di pittura in provincia è come andare in kayak lungo il fiume Sesia…non è vero Presidente?

il fiume Sesia con kayak…a Piode in Valsesia (Jean Modeste)

il Presidente di Futur’arte dr Franco Ferragatta

cortile del Seminario Arcivescovile di Vercelli

la dottoressa acik

maggio 24, 2017 Lascia un commento

Abile conferenziera,disinvolta col microfono in mano,esperta di cabala ebraica e di regole alimentari,personaggio spiritoso;cosa altro dire per presentarvela non saprei,la conosco appena,già ma è anche medico.

L’incontro di Alessandria è già avvenuto e poi con questo caldo da Vercelli non si scomoda nessuno per una conferenza fuori porta che potremmo con un pò di buona volontà ripetere anche qui da noi.

Incrociamo le dita speranzosi.

https://www.facebook.com/doctoracikvictoria/

www.doctorvictoria.it

 

Alessandria
Le “storielle” della dottoressa Acik raccontate in un libro
Martedì 23 Maggio presso la Biblioteca Biomedica dell’Azienda Ospedaliera ci sarà la presentazione del libro “Storielle di un medico ebreo” di Victoria Acik. E’ il primo dei quattro incontri letterari in programma

ALESSANDRIA – Martedì 23 maggio alle ore 17 la Biblioteca Biomedica dell’Azienda Ospedaliera di Alessandria, in collaborazione con l’Associazione “Amici della Biblioteca dell’Ospedale” e la Biblioteca Civica, organizza la presentazione del libro “Storielle di un medico ebreo”.

+


Per il primo di quattro incontri letterari legati tra loro da un filo conduttore, ossia il superamento delle difficoltà attraverso la lettura e la narrazione nonché la vicinanza geografica degli autori, la scelta è ricaduta sull’opera di una estrosa dottoressa di Valenza, laureatasi in Medicina e Chirurgia a Milano ma originaria di New York: Victoria Acik.

+


“Molti medici, a un certo punto della propria carriera, sentono la necessità di scrivere un libro; forse perché il contatto con i problemi della gente li porta a sperimentare emozioni e sentimenti talmente intensi che non devono andare persi. Ci sono caduta anch’io e ho preferito descrivere quella che, a mio parere, è la più stupefacente delle emissioni umane: la parola”, racconta.
È un libro di storielle tratte dalla realtà, in particolare dai racconti dei pazienti della scrittrice, ma anche dal suo vissuto personale che riemerge, con una grande dose di ironia, ad ampie pennellate a cominciare dalla fede religiosa del medico protagonista.

Caratteristiche di tali storielle, infatti, sono la visione ebraica delle cose ma anche l’intento terapeutico del racconto “visto che anche i nostri maestri ci insegnano che alla base della buona salute c’è un cuore contento”.


Questo incontro letterario, inoltre, sarà l’occasione per presentare l’altro volto della Biblioteca Biomedica dell’Azienda Ospedaliera, o per meglio dire il volto aggiuntivo: oltre all’aspetto scientifico che la caratterizza, infatti, ora è dotata anche di un’area “di svago” in cui è possibile prendere in prestito libri di lettura appartenenti ai più disparati generi. Da quest’anno la Biblioteca Biomedica tra le sue iniziative ha inserito anche il rinnovamento e l’ampliamento dei servizi forniti grazie all’ingente donazione effettuata dalla Casa Editrice Mondadori e al lavoro di selezione del patrimonio librario già esistente.
21/05/2017
Redazione – redazione@alessandrianews.it

a sordevolo 28-30 maggio

maggio 23, 2017 Lascia un commento

villa cernigliaro
serra dei leoni
via clemente vercellone 4
sordevolo – biella
 
28 maggio . 30 giugno 2017
inaugurazione domenica 28 maggio 2017 h.17.00
invito recto e verso in allegato
 
stralci dal testo critico:
…Un approccio biomatico è ciò che  lega in prima istanza una realtà ancora capace di emozionare e l’immagine fotografica finale. Ma Ornella Rovera ama la trasformazione e dalla fotografia trae ulteriori stimoli, gli stessi che spingono questo processo nuovamente verso una tridimensionalità questa volta non data a priori ma coscientemente originata dall’artista…

…Se c’è sempre progettualità nel confronto e verifica tra di-segno bidimensionale e realtà colta nella sua immersione spazio-temporale, se cioè la progettualità del dato o disegno bidimensionale sovente sostiene e stimola la realizzazione del progetto offrendole punti di repere e molto altro, è anche vero che nel passaggio da un disegno progettuale alla sua realizzazione (realtà concretizzata) i due sistemi sono posti a severo confronto. Ma per assurdo è proprio da questo attrito,

dalla loro contraddittorietà e persino da una crisi conseguente alla verifica di una loro possibile o meno fattibilità e sostenibilità che emerge come questi “in realtà” si alimentino a vicenda in una progressione continua…

 
sinceri saluti

http://www.ornellarovera.it/

invito al seminario di vercelli

maggio 22, 2017 Lascia un commento

un dettaglio del cortile interno del Seminario arcivescovile

da sin.Valerio Bonadonna,Elvira Treccani e Franco Ferragatta

+

maggiori dettagli sono disponibili su:

https://futurarte.jimdo.com/

+

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: