Home > Uncategorized > goethe e faust

goethe e faust

il dr Faust con Elena di Troia ed altri personaggi tra cui Mefistofele…Jean Modeste

Chi fosse il dr Faust di Goethe (e non di altri) è presto detto… nel senso che neanch’io lo sapevo,ma trovandomi dinanzi a due poesie di papà sul tema,mi sono vergognato ed ho dedicato due serate a studiarmelo.

In breve è come succede ad Adamo ed Eva con quel “sarete simili a Dio conoscendo il bene ed il male” (Genesi) i quali però vengono buttati fuori dall’Eden,ma Faust è più intelligente e dopo 24 anni di anima consegnata al diavolo,trova modo di riscattarsi ed andare in cielo.

Mefistofele reclama l’anima di Faust, che però sale al cielo per il suo costante impegno a favore del bene e della società. Nel finale, un angelo spiega il motivo per il quale Faust è stato salvato: la sua continua aspirazione all’infinito.

Faust viene quindi salvato per grazia di Dio grazie alla sua costante ricerca del Supremo nella forma dell’Eterno Femminino.

Leggendo il “Faust” di Goethe

Sovrumana potenza creatrice,

cui misere si prostrano le schiere

dei derisi cultori di chimere,

tu fosti al sommo prodiga nutrice.

Tutto si conobbe quanto all’uomo lice,

se nei gaudi profuse notti intere,

pure alle sacre fonti seppe bere

non sazio,come al genio ognor s’addice.

E nacque Fausto,l’irrequieta mente,

cui concesse il satanico contratto

d’errar pel picciol mondo e pel superno.

Tu fosti Fausto e dal tormento eterno

l’uom sorse che antepose al verbo l’atto,

nella visione eccelsa del credente.

(Mario Torres)

Mefistofele appare a Faust promettendogli di fargli vivere un attimo di piacere tale da fargli desiderare che quell’attimo non trascorra mai. In cambio avrebbe avuto la sua anima. Faust è sicuro di sé: tale è la sua brama di piacere, azione e conoscenza, che è convinto che nulla mai al mondo lo sazierà tanto da fargli desiderare di fermare quell’attimo.

Verweile doch,du bist so schoen..

(Fermati…sei così bello…)

Elogio dell’osteria

Cadde in errore Fausto,se scontento

il tavolo fuggì,ove eran sparsi

i vetri vuoti e se per dissetarsi

a nuova fonte mosse a passo lento.

Se in questo liquor magico son arsi

i tossici che recano tormento

e vivere ci fan con tanto stento,

è dovere d’ognuno ubriacarsi.

L’uomo che il velo scopre alla dormente

beltà,prova maggior piacere di quello

che a Bacco inneggia con qualche bicchiere?

Fausto,sei in tempo ancor,grida al fuggente

istante:”dunque arrestati sei bello!”

e vieni a ber con me tutte le sere.

(Mario Torres)

Per chi vuole saperne di più:

https://it.wikipedia.org/wiki/Faust_(Goethe)

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: