Home > Uncategorized > mostre altrui e mostre nostrane

mostre altrui e mostre nostrane

Che la polemica sia di aiuto lo dubito, ma sentire per una volta una voce diversa dal coro sulle mostre nostrane,è incoraggiante.

Paul Cezanne merita ben altro che non solo due articoli,accontentiamoci,e li passiamo entrambi.

Martigny. Alla Fondazione Gianadda tutto Cezanne, architetto dello spazio


Maurizio Cecchetti venerdì 21 luglio 2017
Una retrospettiva del pittore francese indaga una inedita ricostruzione del mondo attraverso cento opere.

Autoritratto di Cezanne

Autoritratto di Cezanne

Se Milano fosse quella che ormai da tempo non è più, vale a dire una capitale culturale (quella morale – se mai lo è stata – è andata a farsi benedire nel 1992, l’anno in cui, dopo i brindisi socialisti, ci si è accorti che seguendo il celebre slogan Milano da tempo se l’era bevuta il malaffare che oggi imperversa in molte sfere pubbliche); ecco, se Milano fosse quella che non è più, invece di propinare mostre a grappolo costruite svuotando ogni volta il deposito di un grande museo straniero, avrebbe potuto guardarsi attorno e magari svegliarsi in tempo per stringere una sorta di joint venture con la Fondazione Gianadda di Martigny. Avrebbe ottenuto un risultato dignitoso: invece di tenere occupate le sale di Palazzo Reale per mesi con la brutta mostra dedicata a Manet (che chiude fra una decina di giorni), fatta noleggiando i fondi di magazzino del d’Orsay e giunta a Milano dopo il forfait di Torino, poteva collaborare e presentare al pubblico italiano – sia pure come seconda tappa – la stupenda antologica di Cezanne che si è aperta da qualche settimana a Martigny.

La Fondazione svizzera, come giustamente vanta il presidente Léonard Gianadda, dal 1993, quando realizzò una straordinaria esposizione su Degas, ha costruito mostra dopo mostra un catalogo di rassegne che hanno di gran lunga anticipato e surclassato la moda molto italiana dell’impressionismo come macchina per accalappiare le allodole del turismo d’arte.

Le mostre monografiche della Fondazione non sono mai una semplice antologia di opere, ma un vero approfondimento del linguaggio dell’artista prescelto, attraverso prestiti pubblici e privati di altissimo calibro. Dopo Degas, nel 1996 Manet e via via Gauguin, Van Gogh, Monet, Renoir. E per questa progettualità (che significa anche autorevolezza nella richiesta dei prestiti) la Fondazione si è avvalsa negli anni delle competenze di Ronald Pickvance, storico dell’arte inglese, grande esperto di Van Gogh e Gauguin, scomparso nel marzo scorso. Nel 1991 Pickvance aveva pubblicato uno studio su Degas scultore, il lato meno valorizzato del grande artista poiché egli fu invece un vero innovatore della plastica di modellato. Chi voglia comprendere il modo di lavorare di Degas deve leggere il diario di Alice Michel, edito nel 1919, nom de plume dietro il quale si cela probabilmente un ghostwriter che mise in forma di racconto i ricordi di una modella dell’artista. Due anni dopo il libro di Pickvance, ecco la mostra su Degas che dà inizio al fruttuoso sodalizio al quale implicitamente dobbiamo anche l’ultima fatica della Fondazione Gianadda, questa mostra di Cezanne – con la direzione scientifica di Daniel Marchesseau – che avrebbe ben figurato in Italia, poiché da Milano ci vogliono quasi tre ore di treno per recarsi a Martigny e quindi si può immaginare che solo una minima parte del pubblico italiano la vedrà.

E veniamo al dunque.

 

Intanto, si sarà notato che rispetto all’uso consolidato ho scritto Cezanne senza il classico accento acuto. Non è un refuso, ma come effettivamente andrebbe scritto e lo ricorda in una paginetta ad apertura del catalogo della mostra François Chédeville, membro della Société Paul Cezanne. Se i francesi lo scrivono così, chi siamo noi per fare i puristi delle convenzioni? Del resto, Chédeville ricorda che l’accento entra in uso nella scrittura francese dopo la quarta edizione del Dictionnaire de l’Académie françaisedel 1762, e verrà definitivamente adottato nella settima edizione del 1878. Ci si sarebbe potuti aspettare che Cezanne seguisse questa grafia francese, scrive Chédeville, ma Cezanne era provenzale e i provenzali normalmente non usavano l’accento sulla e compresa fra due consonanti. E dunque nella famiglia Cezanne la privazione dell’accento ha preso il sopravvento, tant’è che Paul si firma sempre senza (perciò se per caso vedete un quadro firmato Cézanne, occhio che potrebbe essere un falso). È vero però che altri in seguito con l’accento.

 

Questa mostra intitolata Le chant de la terre, segue Cezanne nel suo “camminare” nei luoghi e negli spazi della Provenza. Chemin diventa quindi un concetto anche pittorico. E si fissa proprio, fin dai primi quadri, in immagini dove si vedono strade e stradine che si perdono nel paesaggio. Denis Coutagne individua quattro nomi che hanno intuito in profondità questa disposizione dello sguardo cezanniano che si lega al camminare. Il primo fu il critico John Rewald che sottolineò le «belles promenades» di Cezanne e Zola; poi venne Peter Handke con un libro sui colori della montagna di Sainte-Victoire, tradotto anche in italiano trent’anni fa; poi ancora Heidegger, che di passeggiate nella natura se ne intendeva (poiché alla fine si era esiliato dal mondo vivendo nella Hutte, la capanna fra i boschi); infine Jacqueline de Romilly che nel 1990 dedica ancora a Sainte-Victoire un libro.

Se è vero, come dice Baudelaire, che per capire un artista bisogna guardare il suo pubblico, ecco che le cifre parlano chiaro: Cezanne ebbe per collezionisti artisti supremi come Monet, Renoir, Gauguin, Degas, Redon, ma anche il dottor Gachet, quello reso celebre dai ritratti di Van Gogh, scrittori come Octave Mirbeu, imprenditori come Auguste Pellerin (che possedeva 150 opere), mercanti come Durand-Ruel (81), Paul Rosenberg (134) o, a distanze galattiche, Vollard che ne possedeva 647, acquistate in stock nel 1896 rilevando pressoché l’intero atelier dell’artista (e nel conto, nota Coutogne, non erano compresi disegni e acquerelli).

Il quadro che sancisce l’autorità che Cezanne esercitava nel milieu artistico è quello di Picasso: nel 1909, tre anni dopo la morte del pittore, dipinge una tela con lo stile cubista che già sembra ricomporsi in forme più solide, dove raffigura il cappello dell’artista. Come dicesse: Chapeau Cezanne! La mostra presenta un centinaio di opere, anche un gruppo di disegni notevoli che rivelano il grado espressionista e scompositivo-astratto che ritroveremo nei fauves, nel primissimo Mondrian (che certo meditò sugli alberi che Cezanne dipinse negli ultimi anni). Pensiero dipinto, scrive Alain Tapié nel catalogo. Una nuova visione costruttrice dello spazio e una riduzione alla semplicità geometrica delle forme (il cilindro la sfera e il cono, come disse il pittore), che lo studioso risolve in tre aggettivi fondamentali: «semplice, sereno, essenziale». È già la modernità, ovvero la nuova visione dello spazio (cubismo, ma meno il futurismo, perché Cezanne è come uno scultore, fissa il movimento nello spazio ricreandone le forme corporee e le grandi strutture naturali). Ecco i suoi paesaggi decostruttivi, ma in realtà ricostruttivi; le sue tele di bagnanti nel paesaggio; le nature morte eterne e “povere” allo stesso tempo, vere metafore dell’umano; o quadri della natura che sembrano anticipare i caleidoscopi di forme e colori del cubismo analitico fino alle scheggiature di Kupka. Un caposaldo del nostro universo visivo, da guardare pensando alla fisica dei frattali e alle scoperte della matematica non euclidea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
+

Il canto della terra. La parabola di Paul Cézanne in una grande mostra a Martigny

“Più che un pittore, Paul Cézanne era la pittura stessa divenuta vita. Non c’era un istante in cui egli vivesse al di fuori di essa: era come se, tra le dita, egli tenesse sempre il suo pennello”. Emile Bernard

Il canto della terra. Sfaccettato e frammentato. Siano mele, pere, arance o maestose San Victoire scultoree immortalate dalla campagna. Provenzale, profumata, bagnata dall’eterna luce del Midì. La Fondation Pierre Gianadda (Martigny, Svizzera) dedica un’ampia retrospettiva a Paul Cézanne (Aix-en-Provence, Francia 1839-1906). Un centinaio di opere che documentano la storia artistica del maestro -dal 16 giugno al 19 novembre 2017- sintesi di colore e volume. Dagli anni Sessanta dell’Ottocento fino agli inizi del secolo scorso, 1906 per l’esattezza (anno di morte del pittore).

Paul CÉZANNE - Le Chant de la terre

La Montagne Sainte-Victoire vue des Lauves,
1902-1906
Olio su tela, 65 x 81 cm
Collezione privata

Ottanta dipinti e una ventina di lavori su carta (acquerelli e pastelli). L’intera pittura di Paul Cézanne è dedicata a una tematica volontariamente limitata le cui variazioni trovano la loro origine nel suo vivere quotidiano. Il tutto rigorosamente en plein air e con un approccio personale verso i temi affrontati. Dai paesaggi alle nature morte.

Dai primi esperimenti al Jas de Bouffan (la casa di campagna in Provenza di proprietà della famiglia) al paese natale di Aix. Dai dintorni di Marsiglia alla Montagne Sainte-Victoire. Laluce rimane sempre protagonista. Negli anni Settanta, accanto a Pissarro, Cézanne dipinge numerosi paesaggi dell’Oise, schiarisce la sua tavolozza, colora le ombre e fa vibrare la luce grazie al colore. Entra in comunione con la natura di cui traspone nelle opere più la percezione che l’impressione.

Paul CÉZANNE - Le Chant de la terre

Les Baigneurs au repos, vers 1875-1876
Olio su tela, 38 x 45.8 cm
Collection des Musées d’art et d’histoire de la Ville de Genève,
Dépôt de la Fondation Jean-Louis Provost
© Musée d’art et d’histoire, Ville de Genève. Dépôt de la Fondation Jean-Louis Prevost, Genève, 1985, inv. n° 1985-0017 / Photo Bettina Jacot-Descombes

Tra gli anni Ottanta e i Novanta, lascia il gruppo degli impressionisti e impone una luce più forte che scolpisce la forma. Tocchi di pittura che diventano tratteggi e attribuiscono un ritmo frammentato ai paesaggi e alle nature morte. Cézanne sfida con audacia la prospettiva classica, alza la linea dell’orizzonte e schematizza i suoi soggetti. Nel novembre 1895, Ambroise Vollard organizza a Parigi la prima mostra monografica dedicata a Cèzanne. Nel 1904 il Salon d’Automne dedica al “maestro d’Aix” una sala intera: in esposizione trentatré dipinti.

Paul CÉZANNE - Le Chant de la terre

Bouteille de liqueur, vers 1890
Olio su tela, 54.2 x 65.5
Pola Museum of Art

Cézanne – Le Chant de la terre presenta una cinquantina di paesaggi, una decina di nature morte, una quindicina tra ritratti e figure, senza dimenticare una serie di composizioni di bagnanti sia femminili che maschili. La rassegna si propone come un’occasione per affrontare nel modo migliore il genio senza tempo del padre incontestato della modernità.

Paul CÉZANNE - Le Chant de la terre

Madame Cézanne à l’éventail, vers 1878-1888
Olio su tela, 92 x 73 cm
Fondation Collection E.G. Bührle, Zurich

Paul CÉZANNE - Le Chant de la terre

Montagnes en Provence (Le Barrage de François Zola), c. 1879
olio su carta applicato su tela, 53.5 x 72.4 cm
National Museum of Wales, Cardiff (Lascito di Gwendoline Davies)

Informazioni utili

CÉZANNE – Le Chant de la terre

Fondation Pierre Gianadda, Rue du Forum, 59 1920 Martigny (Suisse)
Dal 16 giugno al 19 novembre 2017
A cura di Daniel Marchesseau

Orari
tutti i giorni con orario continuato delle 9 alle 19
Tel +41 (0)27 7223978 Sito internet : http://www.gianadda.ch/
Ingresso
Adulti CHF 20 € 18,50 senior: CHF 18 € 16,50 famiglie: CHF 42 € 38,00 studenti fino 25 anni: CHF 12 € 11,00 (gruppi: riduzione di 2 CHF / 2 € rispetto ai biglietti interi)

Autore

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: