la nostalgia…per sorridere insieme

L’articolo è dell’agosto del 2015 e molti lettori non ne sono a conoscenza.Lo ripresentiamo perchè tra una balla e l’altra mi è venuta nostalgia.

expovisita…per sorridere… insieme

20081110-27235-L

L’edificio della sala da pranzo del kibbutz Sdot Yam a Caesarea,Israele.

unnamed (24)

Yehuda il Boss al volante,1971 kibbutz Sdot Yam (archivio personale)

unnamed (26)

l’esperienza socialista,1971 (archivio personale)

un compagno canadese al bar vicino al kibbutz dove facevamo il break dal lavoro prima di pranzare

+

unnamed (27)

Tony di Londra…era il fratellino della nostra stanza a tre letti,

(aveva qui 18 anni),la foto è del nostro bungalow come era all’epoca.

+

unnamed (28)

due miei companheros di viaggio inglesi in visita ad Eilat,sul mar Rosso…

(Fine intermezzo della ns redazione)

+

Ci siamo persi il kibbutz?

Ero molto incuriosita di vedere il mitico padiglione israeliano all’Expo di Milano anche perché tutti i (limitati) contatti che ho avuto con l’agricoltura nel corso della mia vita sono avvenuti in Israele. Difficile, però, per chi ha vissuto l’esperienza del kibbutz riconoscersi in una narrazione che si presenta come la storia di una famiglia proprietaria di un’azienda agricola.

Per la verità la dimensione socialista e collettivista non è l’unico aspetto mancante in una presentazione necessariamente sintetica, e lì per lì mi ha anche colpito l’assenza di riferimenti specifici alla cultura ebraica; ma tale assenza è giustificabile perché è corretto che Israele si mostri per quello che è, non uno Stato confessionale ma uno Stato democratico in cui convivono liberamente ebrei, cristiani e musulmani.

Del resto l’assenza – o, per lo meno, la presenza molto discreta – di elementi religiosi mi pare comune a quasi tutti i padiglioni, persino a quello iraniano, ed è probabilmente una caratteristica generale dell’Expo voluta dagli organizzatori per evitare tensioni e polemiche.

Invece, per quanto in effetti anche gli aspetti politici ed economici legati alla proprietà della terra siano generalmente messi in sordina all’Expo, mi sarei comunque aspettata qualche pur vago riferimento al kibbutz che in fin dei conti è forse l’unica forma di socialismo realizzato in un contesto democratico nella storia dell’umanità.

Può darsi che in passato il peso del kibbutz nella storia israeliana sia stato sopravvalutato, ma forse ora si sta esagerando nell’altro senso.
Va detto, comunque, che se queste sono le impressioni che lascia il percorso all’interno del padiglione, la scritta che si legge all’esterno riesce invece a coniugare perfettamente la dimensione ebraica e il tema della giustizia sociale attraverso le parole della Torah (Devarim 24, 19) –(il Deuteronomio ndr), – tratte dalla parashà che leggeremo domani:

“Quando mieterai il tuo campo e avrai dimenticato un covone non tornerai indietro a raccoglierlo: rimarrà per il forestiero, l’orfano e la vedova.”

Anna Segre, insegnante

(28 agosto 2015)

– See more at: http://moked.it/blog/2015/08/28/ci-siamo-persi-il-kibbutz/#sthash.2E3Tga30.dpuf

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: