Archive

Archive for gennaio 2017

scuola…(che bello essere in pensione)

gennaio 31, 2017 Lascia un commento

suzanne-valadon-two-cats

Due gatti-Suzanne Valadon 1918

+

Lavoro e dignità

anna segre“Gli ispettori e i sorveglianti dissero al popolo: ‘Così comanda il Faraone: Io non vi do più paglia. Voi stessi ve la procurerete dove potrete trovarla, perché nulla è diminuito del quantitativo che voi dovrete produrre’”. Anche se le condizioni sono fortunatamente molto meno gravose di quelle narrate dalla parashà di Shemot che abbiamo letto sabato scorso, questa del lavoro raddoppiato a parità di condizioni (e di stipendio) è una sensazione che noi insegnanti abbiamo provato più volte negli ultimi anni: una corsa stressante in cui continuamente si è chiamati a fare qualcosa di più e continuamente si è accusati di non fare abbastanza.
+
Ci sono insufficienze? È nostro dovere organizzare il recupero. Ci sono allievi con disturbi specifici dell’apprendimento? Bisogna preparare attività e verifiche differenziate. Ci sono i test Invalsi? Gli insegnanti devono trascorrere ore ed ore a trascrivere al computer le risposte degli allievi. Senza contare le classi più numerose, le ore di cattedra in più, che significano materie in più (e quindi più riunioni in più dipartimenti), classi in più (più sezioni, più allievi, più genitori, più ore di ricevimento, ecc.).Tutto questo nell’indifferenza generale, anzi, sotto una martellante campagna contro gli insegnanti nullafacenti.
+
Gli ultimi governi hanno forse mostrato un atteggiamento meno pregiudizialmente ostile, ma nella sostanza non hanno diminuito in alcun modo il carico di nuove e inedite incombenze spuntate come funghi negli ultimi anni. In compenso hanno dotato le scuole di un organico di potenziamento, insegnanti in più a sostegno dell’attività didattica, che però, data la generale rigidità del sistema, non sempre possono essere utilizzati adeguatamente.
+
Dunque, insegnanti pagati e non utilizzati si trovano nelle stesse scuola al fianco di quelli utilizzati per molte incombenze per cui in sostanza non sono pagati. Un paradosso che inevitabilmente produce malumori da entrambe le parti. Come avrebbero reagito i nostri padri in Egitto se, mentre erano costretti a procurarsi la paglia per i mattoni, si fossero trovati al fianco di altri schiavi obbligati (non per loro scelta, beninteso) a non lavorare per nulla?
+
È quello che mi sono domandata ieri leggendo l’articolo (che tra l’altro parlava proprio della mia scuola) comparso sulla prima pagina di Repubblica. L’articolo, però, si guardava bene dal denunciare il paradosso nel suo insieme, ma si concentrava esclusivamente sul caso dell’insegnante pagato per non lavorare, alimentando così ulteriormente il mito degli insegnanti nullafacenti.I carichi di lavoro non pagato, invece, non scandalizzano nessuno, nemmeno un quotidiano di tendenza progressista. Si chiamano disponibilità, dedizione, senso di responsabilità, e a quanto pare l’idea che un’incombenza supplementare possa essere retribuita suona datata e retrograda.

Del resto questo non riguarda certo solo il mondo della scuola, anzi, credo che in altri settori lavorativi sia ben peggio. La dignità del lavoro, a mio parere, si fonda anche su un giusto compenso. Forse il racconto di Shemot è più attuale di quanto pensiamo.

Anna Segre, insegnante

(27 gennaio 2017)

http://moked.it/blog/2017/01/27/lavoro-e-dignita/

maestro che ne dice dell’arte attuale?

gennaio 30, 2017 Lascia un commento

Dai a ogni giornata la possibilità di essere la più bella della tua vita. (Mark Twain)

sszyszlo

Un’intervista interessante se pur è del 2015 rivolta ad un artista latino americano che ha frequentato i mostri sacri nella Parigi d’altri tempi ed è quotato nelle migliori case d’asta internazionali.

E’ in uno spagnolo facile da capire per noi italiani altrimenti avete il traduttore a disposizione.

+

Portada > Cultura >El pintor inauguró la muestra Una América llamada Szyszlo

Fernando de Szyszlo: “El arte atraviesa un momento difícil por culpa de una sociedad banal”

Jueves 18 de junio del 2015 | 19:18

Artista plástico criticó la calidad del arte, a los políticos y a la sociedad actual. Habló sobre su trabajo y vejez, cuando está cerca de cumplir los 90 años.

“El arte actual es horrible. Perdimos la brújula y estamos en un bajón”, manifestó De Szyszlo.

 +

El artista peruano Fernando de Szyszlo, de 89 años, considera que el arte atraviesa un momento difícil y poco seductor por culpa de “una sociedad banal” que induce a hacer obras “horribles” y a “un bajón” en la pintura.

 

“El arte actual es horrible. Antes juzgaba a los pintores y decía que estaban equivocados. Pero hace unos meses me di cuenta que no son ellos. Es la sociedad que se ha banalizado y hace que produzcamos ese arte banal. Perdimos la brújula y estamos en un bajón”, manifestó De Szyszlo a Efe en una entrevista en Medellín.

En medio del panorama desesperanzador que plantea, en el que “se ha banalizado todo y hasta el sexo se convierte en una gimnasia intrascendente”, Fernando de Szyszlo considera que vendrán tiempos mejores y habrá un reencuentro con la esencia de la pintura.

“Dalí decía: ‘Moda es lo que pasa de moda’. Estoy seguro que vamos a replantear los problemas de la expresión artística y a saber para qué se hace arte”, apuntó De Szyszlo.

[Fernando de Szyszlo: “Murales deforman la arquitectura del Centro de Lima”]

 

UN PRESENTE PREOCUPANTE
A pocos días de cumplir 90 años, Fernando de Szyszlo, nacido en Lima el 5 de julio de 1925, dice mantener vivo ese anhelo de querer superar con cada obra su “condición humana, mortal e intrascendente”.

El artista peruano remarcó que palpa en este momento un arte que no lo conmueve, pero tuvo el privilegio de aprender de los mejores cuando vivió en París y “todos los monstruos estaban vivos”.

“Me encontraba en un café con Picasso, Braque, Matisse, André Gide, Giacometti, Sartre y Camus”, relató.

Y ese París, “en el que todo es tan vivo, profundo y atractivo”, no solo le enseñó a devorar libros y a entender muchas aristas de la política. Lejos de su adorada Lima aprendió a amar más sus raíces y su continente.

“Nacer en América Latina es un privilegio y al mismo tiempo una maldición. Si uno quiere vivir acá tiene que sacrificar mucho. Viví en París, la ciudad más perfecta, y cuando regresé sabía que escogía el camino más pesado”, afirmó.

De Szyszlo, autor de más de 3.000 obras, manifiesta que le preocupa el presente de América Latina por el retroceso que viene experimentando.

“Hace unos años dejamos de lado el pesimismo que teníamos y descubrimos el optimismo, pero nos estancamos. Los gobiernos otra vez están vacilantes y el futuro inmediato es complicado”, consideró.

Según el artista, en Latinoamérica la clase media ha crecido de tal manera que “los políticos no van a tener importancia y esa va a ser la verdadera democracia”.

Asimismo, aseguró que “la desgracia de la política latinoamericana es que estamos influidos por gente, en todos los niveles, que no tiene convicciones sino intereses”.

[Fernando de Szyszlo: 10 frases de la entrevista al reconocido pintor]

 

EXPOSICIÓN
El artista inaugura hoy en la Galería Duque Arango la muestra Una América llamada Szyszlo, compuesta por 20 obras, tres de ellas de su producción de 2014 y las demás de este año.

Para el pintor, en los 20 cuadros que integran la exposición, cuyo título salió de un viejo discurso de la escritora y crítica de arte colombo-argentina Marta Traba, están reflejados todo el conocimiento que tiene del continente, con sus pecados y virtudes.

“He tratado de hacer una pintura que hable del lenguaje contemporáneo, de los problemas, de los sentimientos, de las frustraciones y de las maravillas que son estas tierras, y que tenían que ser expresadas de alguna manera como lo hizo (Alejandro) Obregón y (Rufino) Tamayo”, detalla sobre sus obras cargadas de contrastes que llevan a otra dimensión el claroscuro.

Su más reciente obra no tiene cambios dramáticos porque su pintura “siempre va a ser lo mismo”, opinó.

“Nunca he cambiado y siempre he perseguido la misma idea. Nunca la he logrado coger, pero sigo tratando”, señaló entre risas el peruano, quien pese a su energía, lucidez y adicción al trabajo, se siente atormentado por el paso del tiempo y no planea festejar de una manera especial sus 90 años.

[‘Fernando de Szyszlo se ha contagiado del virus de Mario Vargas Llosa’]

MED03. MEDELLÍN (COLOMBIA), 18/06/2015. El artista peruano Fernando de Szyszlo durante una entrevista con Efe hoy, jueves 18 de junio de 2015 en Medellín (Colombia). De Szyszlo, de 89 años de edad, considera que el arte atraviesa un momento difícil y poco seductor por culpa de "una sociedad banal" que induce a hacer obras "horribles" y a "un bajón" en la pintura. EFE/LUIS EDUARDO NORIEGA.

MED03. MEDELLÍN (COLOMBIA), 18/06/2015. El artista peruano Fernando de Szyszlo durante una entrevista con Efe hoy, jueves 18 de junio de 2015 en Medellín (Colombia). De Szyszlo, de 89 años de edad, considera que el arte atraviesa un momento difícil y poco seductor por culpa de “una sociedad banal” que induce a hacer obras “horribles” y a “un bajón” en la pintura. EFE/LUIS EDUARDO NORIEGA.

LA VEJEZ
“La peor enfermedad que uno pueda tener es la vejez. Hay que ir renunciando a cosas. Estuve en París y en la visita a un museo terminé arrastrándome como un mutilado de guerra”, dijo al lamentar que ha perdido capacidad física pero, agregó, “felizmente lo que más conservo es la mente” y espera que hasta el último día de su vida “no pierda la consciencia”.

El pintor le da valor a la experiencia que ha acumulado en las siete décadas dedicadas al arte y se enfrenta de una manera diferente al lienzo en blanco. “Estoy menos perdido, sé más lo que quiero. Antes, al comenzar un cuadro había mucha vacilación. Eso no quiere decir que sea más fácil”, concluyó.

http://peru21.pe/cultura/fernando-szyszlo-arte-atraviesa-momento-dificil-culpa-sociedad-banal-2221205

i maya con gli amici dei musei

gennaio 30, 2017 Lascia un commento

2017_1 2017_2

 

la speranza è l’ultima a morire

gennaio 30, 2017 Lascia un commento
I migranti di Pettinengo – di Nicoletta Gemnetti

La speranza vive a Pettinengo

C’è, in provincia di Biella, un villaggio nel quale i migranti da problema sono diventati una risorsa

domenica 29/01/17 08:08 – ultimo aggiornamento: domenica 29/01/17 08:08

Centottantamila. Tanti sono i migranti sbarcati sulle coste italiane nel 2016. Persone in fuga da guerre, dittature, miseria. Molte con la richiesta di protezione internazionale. Tutte alla ricerca di una vita migliore. Il cammino per realizzare il sogno è lungo e anche pericoloso. La mèta, per tutti: l’Europa.

WALLAH – je te jure” è un documentario prodotto dall’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni che racconta le storie di uomini e donne lungo le rotte migratorie dall’Africa occidentale all’Italia, passando per il Niger. Villaggi rurali del Senegal, stazioni degli autobus e ghetti di trafficanti in Niger, fanno da sfondo a viaggi coraggiosi, al termine dei quali si trova una realtà ben diversa da quella immaginata. L’Italia annaspa. Il sovraffollamento delle strutture adibite ad ospitare i fuggiaschi rende imperativa una loro ridistribuzione sul suolo nazionale, ma nessuno li vuole. La loro assegnazione, soprattutto nel Nord Italia, è fonte di liti fra prefetture, comuni e popolazione locale.

Pettinengo, l’eccezione.

Pettinengo è un villaggio di montagna in provincia di Biella. Ci vivono 1’430 persone. Con loro un centinaio di migranti. All’inizio con molta prevenzione e avversione. Gli umori, però, sono cambiati da quando i nuovi arrivati si sono rivelati una risorsa anziché un problema. Il merito? Dell’Associazione Pacefuturo che, con il Comune, si occupa degli stranieri e della loro gestione..

La regola è semplice: il territorio che accoglie deve avere, in qualche modo, un ritorno. Così, per la formazione e gli stages dei profughi, i finanziamenti del governo sono stati utilizzati per assumere una quarantina di disoccupati della zona, con mansioni di utilità pubblica. A loro sono stati affiancati i migranti che collaborano a queste attività, come il mantenimento dei boschi, la pulizia di strade e giardini, le piccole incombenze vantaggiose per la comunità. È bastato questo a trasformare gli stranieri venuti dal mare da problemi in risorse. Certo le difficoltà non mancano neppure a Pettinengo, ma il buon senso aiuta a risolverle e a diventare… esempio per altri.

m.c./n.g.

Potrebbe interessarti il dossier RSI:  Le vie dei migranti

http://www.rsi.ch/news/

nuovo progetto di promozione turistica

gennaio 30, 2017 Lascia un commento

Oldenico, lo spirito di comunità sopravvive grazie al torneo di scopa

Alla competizione che riunisce tutto il paese gli iscritti hanno dai 14 agli 80 anni
9564858-khkf-u1100997498255m5d-1024x576lastampa-it
STEFANO FONSATO
OLDENICO

Un torneo di carte per riunire tutto il paese. Oldenico si aggrappa al gioco da tavolo più antico, alla Scopa per l’esattezza, per sentire dentro di sé il valore della comunità. Un valore in via di estinzione in un’epoca in cui i piccoli centri si vanno via via spopolando, proprio come accaduto in questo piccolo paese della Baraggia. Senza più un vero luogo di ritrovo, un bar, un campo sportivo (quello che c’era ha cessato la propria attività nella prima metà degli anni ’90, quando ospitava una squadra di calcio amatoriale) né una pro loco per organizzare una sagra. D’altra parte, le forze a disposizione sono quelle che sono, e allora ci si arrangia come si può. Tanta buona volontà «non organizzata».

 

Un oldenichese suona al campanello del sindaco, Valter Ganzaroli, e apre ufficialmente il registro delle iscrizioni: «Per me è una gioia potermi mettere a disposizione – spiega il primo cittadino, che partecipa attivamente anche al torneo di Scopa stesso -. Lo facciamo per stare tutti insieme. Come sempre a fine gennaio. E all’evento partecipa un folto pubblico». Ed è stato così anche lo scorso fine settimana. Ben sedici partecipanti registrati, all’interno dell’ex centro anziani. Ex perché anch’esso, negli anni scorsi, ha chiuso i battenti. Appassionati di tutte le età: gli iscritti hanno dai 14 agli 80 anni: «E questa è la gioia più grande – confessa Ganzaroli -: vedere proprio queste differenze che si abbracciano nell’orgoglio di far parte di una piccola comunità come quella di Oldenico».

 

Dove i ruoli possono anche invertirsi, e i novellini arrivano a battere i maestri del tavolo verde. «Accade più volte di quanto si pensi», scherza il primo cittadino, che conclude: «Il vincitore è una questione del tutto relativa. Specie se si pensa al premio finale: una panissa per tutti». Cucinata, rigorosamente, con puro spirito di volontariato.

http://www.lastampa.it/2017/01/28/edizioni/vercelli/oldenico-lo-spirito-di-comunit-sopravvive-grazie-al-torneo-di-scopa-F1cjh9r7WdtsYvpCjNjS3H/pagina.html

cosa ci porterà il nuovo anno cinese detto… del gallo?

gennaio 29, 2017 Lascia un commento

Risultati immagini per woody allen

Woody Allen

Che i partiti politici stiano cambiando dalla vecchia sinistra e destra di un tempo pare sia cosa chiara.Ma dire che l’immigrazione sia la frontiera degli uni contro gli altri mi pare troppo semplicistico.

In attesa dunque di qualche nuova definizione che ci sia utile vediamo cosa ci passa il convento.

Ad un’America repubblicana dovremo fare il callo prossimamente e poi si sa comunque che gli USA da democratici a repubblicani sono da sempre dei protezionisti ed hanno i mezzi economici come pure i numeri per poterlo essere iniziando col petrolio del quale non sono più dipendenti all’estero e dalle forze armate cui non mancano i mezzi tecnologici ed umani per essere i primi della classe.

1nintchdbpict000296993686

Il decreto è firmato…ma per l’applicazione si vedrà…

Che risposta diede Woody Allen che abbiamo già citato riguardo i colori dei partiti nord-americani?

“Sulla politica statunitense ha detto che «in generale un’affermazione della destra è sempre una cattiva notizia, è sempre una faccenda pericolosa. Perché la destra dà risposte molto semplici, dirette a problemi enormi. Ci sono i senzatetto? Che se ne vadano. C’è un aumento di criminali? Ripristiniamo la pena di morte. Soluzioni che naturalmente non tentano di capire il perché dei fenomeni a cui vengono applicate. Al momento possono sembrare efficaci, ma fra venti anni sarà peggio e ne faranno le spese le generazioni del futuro che di nuovo si troveranno di fronte problemi gravissimi»”(wikipedia)

Già,ma fra vent’anni…chi sarà il Presidente degli Stati Uniti?

Eps10. Image contain transparency and various blending modes.

http://www.deejay.it/news/2017-lanno-del-gallo-scopri-il-tuo-segno-nello-zodiaco-cinese/509981/

Trump che ha fatto in quei pochi giorni da quando è montato in sella?

Ha messo in pratica quanto buona parte del suo elettorato pensa ma non dice… e se poi verrà una rivoluzione si vedrà come affrontarla,per intanto gli applausi vanno a lui ed i fischi non sono ancora sufficienti di numero per fargli ballare la cadrega… di sotto al suo sedere.

“Guardate all’Europa ed al casino che hanno in casa!” pare abbia detto aizzando la folla come quell’americano che guidò la piccola rivoluzione di Pitcairn …di nostra recente pubblicazione*,e prima o poi ritorneranno ad averlo anche loro in America perchè è obbiettivamente difficile andarne esenti riuscendo a fare ordine nei paesi incriminati come dimostrano gli inutili interventi armati nel vicino Oriente ed in Africa.

Insomma noi abbiamo costruito muri ma gli USA stanno facendo la stessa cosa e per le medesime ragioni,cioè quelle di proteggersi da chi non vogliamo avere più tra i piedi.

Perchè dunque non aiutare gli immigranti a restare a casa propria sotto a dei regimi politici più umani che permettano quel benessere di cui noi ne abbiamo avuto da buttare e loro niente?

Svizzera

Perchè è probabile che tra il dire ed il fare ci siano le stesse difficoltà incontrate come nello sconfiggere l’Iraq,l’Afganistan,la Libia,lo Yemen ed i vari gruppi terroristici che operano in Somalia,Nigeria e quanti altri.

Ecco che allora i bassi istinti degli elettori vengono fuori e chiedono la testa del primo capro espiatorio del momento,quelli che reclamano… prima i nostri… ed i contingenti vari di richiedenti asilo che sono l’opposto della libera circolazione delle persone  di cui in Europa ci siamo tanto vantati.

Socrate lo cita Montanelli (nel suo libro La Storia dei Greci) aveva come scopo della sua scuola di preparare una classe politica illuminata che governasse secondo giustizia dopo avere bene imparato cosa sia la giustizia.

La gente che non lo capiva era invece animata dal livore che gli portava sentendosi inferiore,ed in breve basandosi su accuse false gli fecero la pelle.

“I frutti non tardarono  a maturare.Il cadavere era appena calato nella fossa che Atene già si rivoltava contro chi aveva provocato la condanna.

E’ una sorte che proponiamo alla meditazione di tutti quanti si fanno forti dei più bassi istinti del popolo per compiere un’ingiustizia contro i migliori.”

Lo scrive Montanelli,io non c’entro…

+

* https://lusignolo.wordpress.com/2016/12/23/a-cosa-servono-gli-americani/

professione… cyber criminale

gennaio 29, 2017 Lascia un commento

Le falle del web (3) – Guardie e ladri – di Jona “Pixel” Mantovan e Ludovico Camposampiero

+

Guardie e ladri digitali

Le falle del web (3) – L’èra dei cybercriminali è iniziata e si sta affermando nel mondo

venerdì 27/01/17 06:12 – ultimo aggiornamento: venerdì 27/01/17 16:47

+

Terza puntata della nostra serie dedicata alla criminalità informatica: tra hacker pluriricercati e cyberbombe.

 

Ahmed Al Agha è un giovanotto di 23 anni. Viso pulito, magro come un chiodo, spessi occhiali da vista, in fotografia si presenta in giacca e cravatta. È il classico “nerd”, conosciuto fra i suo sodali con il nome di “The Pro”.

Ahmed, tuttavia, non è il classico bravo ragazzo. Su di lui pendono un mandato di cattura internazionale e una taglia di 100’000 dollari. A spiccarli… nientemeno che l’FBI. Il nome di Ahmed è infatti iscritto nella lista dei 25 “Cyber’s Most Wanted” della polizia giudiziaria statunitense. Nato a Damasco, è accusato di far parte della Syrian Electronic Armi: un gruppo di hacker foraggiato dal regime di Bashar al-Assad, autore di decine e decine di cyber attacchi contro agenzie governative statunitensi e società a stelle e strisce.

Evgeniy Mikhailovich Bogachev: il super cybercriminale. Su di lui pende una taglia di 3 milioni

Una minaccia globale – L’FBI non è la sola autorità inquirente a catalizzare buona parte delle proprie risorse contro i pirati della Rete. La lotta alla cybercriminalità è diventata una priorità in tutto il mondo, anche alla luce degli attacchi portati recentemente a termine: dal furto dei dati personali di oltre 500 milioni di utenti di Yahoo! all’attacco contro uno dei maggiori fornitori al mondo di servizi DNS, che ha messo fuori uso colossi come Twitter, Airbnb e Spotify, fino al sospetto palesato dai servizi di informazione di Washington di un’interferenza di pirati informatici al soldo del Cremlino nelle elezioni statunitensi per far vincere Trump.

Quelli a cui l’FBI dà la caccia sono però solo la punta dell’iceberg; sono unicamente alcuni dei numerosissimi cybercriminali che operano in tutto il mondo, senza regole e confini geografici. Lo schema è sempre quello: chi sta dietro al computer si trova magari in Cina o Bielorussia; la vittima risiede in Canada e per portare al termine l’attacco si passa attraverso server basati in Belize, Angola o, perché no?, Svizzera. Uno schema molto semplificato, che rende tuttavia evidenti la difficoltà delle autorità nel perseguire simili azioni.

L’èra degli attacchi hacker – Accanto a chi cerca di rubare soldi o dati finanziari per rivenderli sul mercato nero del Dark Web, c’è anche chi cerca “solo” di prendere momentaneamente in prestito dispositivi di ogni genere dei singoli utenti. “Risorse informatiche che vengono unite per creare una gigantesca bomba tecnologica per sferrare attacchi su larga scala”, spiega Alessandro Trivilini, ricercatore ed esperto di informatica forense.

Alessandro Trivilini (tipress)

Non solo brutti ceffi, ma anche ragazzini, anche minorenni, partecipano più o meno ingenuamente a questi attacchi, senza magari capire la portata delle loro azioni. Trivilini non ha dubbi: “Anche loro sono cybercriminali. Ma come reagirebbe l’opinione pubblica se le loro fotografie campeggiassero nelle classifiche dei ricercati intorno al globo?”.
La lotta al cybercrimine – Come combattere la criminalità digitale? Il grimaldello per forzare la porta blindata dietro la quale si nascondono queste organizzazioni è, ancora una volta, la collaborazione: “Fra autorità inquirenti, anche a livello internazionale, ma pure fra polizia e istituti di ricerca”, sottolinea Trivilini, responsabile del Laboratorio di informatica forense della SUPSI, da cinque anni al fianco della magistratura e della polizia ticinesi. Questo perché, aggiunge il ricercatore, “è impensabile che un poliziotto possa affrontare da solo tutta la filiera di un crimine informatico”. I centri di ricerca mettono già le loro competenze a disposizione delle aziende, ma oggigiorno è indispensabile che questo scambio avvenga anche con le autorità.Tutti siamo potenziali vittime di crimini informatici di ogni genere. Ma tutti possiamo giocare una piccola, ma importante, parte nella lotta alla cybercriminalità. Come?
Scopritelo nella videointervista a Alessandro Trivilini in cima all’articolo.
Ludovico Camposampiero e Jona “Pixel” Mantovan

+

La lotta svizzera al cybercrimine

In Svizzera i reati informatici sono perseguiti dalla polizia del cantone dove vive la vittima. La necessità di unire le forze per combattere un fenomeno transnazionale si è però fatta sentire anche tra i confine federali. Già nel 2001, in seno alla polizia federale, è stato creato lo SCOCI: il Servizio di coordinazione per la lotta contro la criminalità su Internet. Il suo compito? Fungere da punto di contatto per chi vuole comunicare la presenza di un sito o di contenuti sospetti in rete.

Le statistiche 2016 saranno disponibili solo in primavera. Dai noi contattato, lo SCOCI riferisce tuttavia di aver osservato nell’anno appena trascorso un aumento degli annunci ricevuti rispetto al 2015. Questo aumento, spiegano da Berna, è dato dalla maggior copertura mediatica del fenomeno e dei messaggi di prevenzione dello SCOCI stesso. Ma attenzione: è impossibile fornire una fotografia nitida della criminalità su Internet. Le segnalazioni ricevute, infatti, sono solo la punta dell’iceberg

In ogni caso, secondo gli esperti elvetici, sono cinque le tipologie di cybercrimine riscontrate lo scorso anno: Cybertruffe; Phishing; Malware: software malevoli che infettano i PC, come i ransomware; Botnet: quando qualcuno controlla, grazie a cosiddetti cavalli di Troia, un computer all’insaputa del proprietario; “Sextortion”: ricattare una persona, dopo averla convinta, per esempio, a mostrarsi nuda davanti alla webcam.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: