tasse e detrazioni

Dai a ogni giornata la possibilità di essere la più bella della tua vita.

(Mark Twain)

+

twain_and_rogers_1908

Mark Twain a sin.con Henry Rogers uno dei maggiori azionisti della Standard Oil.

+

Gli Stati Uniti sono un mondo semplice molto meno sofisticato dell’Europa o così almeno appaiono attraverso gli scritti di Mark Twain che dopo essersi fatto un sacco di gavetta in casa venne in Europa a prendere idee.O viceversa.A portarle.

Una novella molto breve di poche paginette riguarda il fisco che per i super ricchi è come una maledizione ed infatti se possono,lasciano da pagare volentieri i propri conti con l’erario ai meno fortunati.

Una visita misteriosa è quella che un signore ricevette non appena aveva messo su casa di recente,era costui il primo che si era accorto di una nuova presenza e gli toccò la porta.

Si presentò come in relazione con l’ufficio delle imposte degli Stati Uniti e non sapendone nulla sulla sua attività il nostro anfitrione lo fece entrare e sedere e gli chiese se voleva aprire un’attività dalle sue parti.

Rispose di sì ma non essendo molto esplicito su quanto aveva da vendere aggiunse solo che quasi nessuno andava di solito a cercarlo e che dopo una prima visita veniva evitato.

Visto che appariva come una persona onesta dopo breve il ghiaccio era rotto tra i due, ed iniziarono a conversare.

“Parlammo,parlammo,e parlammo…o almeno ero io che parlavo,ero deciso a scoprire di che cosa si occupasse e per intrappolarlo gli avrei contato tutto quanto concerneva i miei affari così da indurlo a raccontarmi i suoi.

Non avete idea di quanto abbia guadagnato in giro facendo il conferenziere…sicuro che non l’indovinerei..rispose l’altro…forse duemila dollari?

O esagero,ne avete guadagnati solo 1700…

Lo sapevo che non l’avreste imbroccata…i miei guadagni di conferenziere sono stati quattordicimila settecento e cinquanta dollari.Cosa ne pensate?

Stupefacente…ora ne prenderò nota.E dite…questo  è tutto?

Nemmeno per sogno,ho lavorato anche come giornalista pochi mesi e sono altri ottomila dollari.

Ma complimenti,ora ne prenderò nota.Una gran bella somma!

Sì ma siamo solo all’inizio,perchè ho anche pubblicato un libro che è stato stravenduto e mi ha permesso di incassare duecentoventiquattro mila dollari in contanti.

Possibile? Buon Dio,aspetti che ne prenda nota.

Vorrei proprio averlo come cliente un uomo che guadagna in modo simile,infatti in città ce n’erano parecchi di ricchi ma quando trattavano con lui si scopriva che avevano appena di che vivere,ed era molto tempo che non vedeva in viso un uomo ricco.Ed era così felice della conoscenza che lo voleva abbracciare.

In breve lo scopo della visita era stato di consegnare il modulo per la dichiarazione dei redditi nel quale i quesiti posti erano redatti con tale astuzia da indurre un uomo a dichiarare quattro volte di più di ciò che uno guadagna per non correre il pericolo di dichiarare il falso.

A questo punto,visto il mare di guai in cui si era cacciato il nostro scrittore si rivolge per consiglio ad un signore opulento che viveva alla grande in un palazzo con una tavola descritta come assolutamente regale e che dai rendiconti pubblici non aveva però alcuna entrata.

Questi prese una penna in mano e ci mise poco per farlo assomigliare a lui.

Detrazioni!

Registrò le perdite per naufragi,incendi,etc,le perdite su vendite di beni immobili,le perdite sulle vendite di bestiame,quelle sui pagamenti di fitti dovuti,le riparazioni,migliorie e interessi passivi,gli emolumenti già tassati in precedenza e altre cose.

Il tutto fa sì che il vostro reddito scenda a 1250 dollari e 40 cents.

Ora,mille dollari sono esenti per legge…e quindi dovete pagare le tasse per i 250 dollari che restano… giurate che quanto dichiarato è vero e siete a posto.

Lo feci non diversamente da quanto fanno ogni anno migliaia degli uomini più ricchi e più fieri,più rispettati ed onorati e riveriti d’America.

Perciò non me ne vergogno affatto di fare altrettanto perchè così si comportano le persone più solide della città,gli uomini di peso morale,di integrità commerciale e di impeccabile onestà sociale.

Mi inchino quindi,dinanzi al loro esempio.

+

Tratto da “Una visita misteriosa” di Mark Twain,liberamente interpretato.

+

Bradley Birkenfeld nel 2010 (keystone)

Il banchiere di Lucifero

L’intervista a Bradley Birkenfeld, ex impiegato di UBS, considerato da molti colui che ha ucciso il segreto bancario svizzero

mercoledì 30/11/16 18:35 – ultimo aggiornamento: giovedì 01/12/16 09:13

La storia di Birkenfeld inizia nel 2007, quando il 51enne ex impiegato di UBS rivela alle autorità statunitensi come la banca avesse aiutato migliaia di contribuenti ad evadere il fisco americano. Per il suo ruolo, Birkenfeld fu condannato a 40 mesi di carcere, ma venne scarcerato prima e gli venne versato un compenso di 104 milioni di dollari.

Il “banchiere di Lucifero” è il titolo del suo libro pubblicato di recente. Le sue rivelazioni misero in moto  una serie di azioni che portarono non solo UBS ma molte altre banche svizzere a dover rendere conto dell’aiuto dato all’evasione fiscale.

Brikenfeld nelle scorse settimane era a Londra in occasione dell’Offshore Alert, una conferenza annuale che raduna operatori della finanza e autorità per discutere di lotta all’evasione. Durante l’incontro ha dichiarato che “il problema è che parte della dirigenza della finanza svizzera non dovrebbe essere dove è” (ascolta il servizio completo alla fine dell’articolo). La frase è riferita al fatto che la Svizzera secondo lui deve cambiare mentalità ed essere riconosciuta come un paese trasparente.

Ma anche gli Stati Uniti hanno molta strada da fare “Il sistema bancario americano è disastroso e ipocrita” dice sottolineando come ci sia un’enorme quantità di capitali riciclata sotto la bandiera a stelle e strisce.

Marzio Minoli

http://www.rsi.ch/news/svizzera/Il-banchiere-di-Lucifero-8391553.html

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: