casa d’arte viadeimercati vercelli

1presentazione-1

La presentazione

Una breve passeggiata in centro per raggiungere la seconda tappa di un pomeriggio all’insegna dell’arte e della buona musica: in via Morosone 3, nello storico Rialto a due passi da Piazza Cavour, inaugurazione in grande stile dei nuovi spazi della Casa d’Arte Viadeimercati con la vernice della collettiva # 900 DeFigurazione con opere di alcuni tra i più significativi Maestri dell’Arte moderna e Contemporanea, da Modigliani a De Chirico, da Balla a Campigli, da Afro a Fontana e ancora Scanavino, Mastroianni, Tozzi, Carrà, Sironi, De Pisis, Guttuso, solo per citarne alcuni. Tanta gente all’esterno in attesa di entrare nella galleria gremita.

2gruppo-o-zone

Suggestive le musiche proposte dal gruppo O-zone con Alessandro Baici al piano, Daniele Michelone al basso elettrico e Mauro Ghiani alle percussioni, un jazz trio basato sull’improvvisazione libera,senza schemi o programmi, capace di proporre tratti compositivi originali per dar vita a qualcosa di etereo come suggerisce il nome del gruppo, fra gli strati rarefatti dell’atmosfera, dove l’aria pura si trasforma in ozono e dove vivono correnti sonore leggere, fatte da armonie e ritmi senza classificazioni o definizioni, quasi fossero un “riflesso” di tutte le radiofrequenze trasmesse dalla terra.

pubblicodsc00150

Nella sua presentazione a corredo del ricco catalogo della mostra, oltre a una disamina storico-artistica delle opere e del filo conduttore attorno al quale si articola il percorso espositivo, il critico Luisa Facelli ha ricordato come “La Casa d’Arte sia riuscita a tenere il passo, in altre due sedi espositive, per sedici lunghi anni di coraggiosa ininterrotta attività, e come le sue scelte abbiano privilegiato grandi maestri, più giovani artisti ormai affermati, e ne abbiano visti crescere altri, insieme alla galleria stessa nella lunga serie di eventi artistici che oltre a innumerevoli mostre hanno ospitato in questi anni, anche performance di scrittori e poeti, sempre cercando di coltivare un modo di intendere e fare cultura, dinamico, trasversale, capace di mettere a fuoco snodi fondamentali del panorama artistico di ieri, di oggi e di Domani”.

Apprezzatissimo da tutti i partecipanti l’impeccabile servizio di ristorazione seguito da Marco Ripa Chef che ha proposto golose prelibatezze mentre, per quello che riguardava i vini, i rossi sono stati consigliati da IndyWine, i bianchi da Mauro Adami e i rosè da Carlo Manco.

La mostra continuerà fino al 24/12/2016 dal martedì al sabato dalle 15.30 alle 19.30

Michele Catalano

michele-mic-2

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: