promozione turistico – dinamica

panchina-2img_1818

Non è una panchina rotta ma arte contemporanea in città.

+

2editor-dsc05360p

 

Sino a qualche anno fa alcuni pittori cittadini trovavano riparo presso le telerie di Giuseppino Pagliazzo negozio situato sotto i portici di pza Cavour e bisogna dirlo che a Natale faceva piacere dare un’occhiata alla sua vetrina piena di quadri colorati.

Poi Giuseppino è morto.

Sono sorti altri punti espositivi quasi tutti gestiti da privati e che sono noleggiati a pagamento ma in tempi di fame bisogna anche dire che quasi nessuno dei pittori che frequento è molto stimolato ad imbarcarsi in spese che non producono un bel nulla.

Un amico tra questi pittori un giorno mi dice che il comune dovrebbe promuovere la nostra attività e mi ci metto anch’io che qualcosa ho fatto.

Il Comune se ti va bene ti cede un qualche salone e ritiene chiuso il suo intervento perchè non gli interessa quel che fai,se hai successo o meno,pensa giustamente che non ha molti mezzi di cui disporre e ritiene che tu e la tua attività non portiate alcun valore aggiunto al traffico locale salvo delle grane.

Noi osserviamo la dinamicità degli interventi comunali rivolti quasi sempre a mettere transenne e lasciarle per anni indifferenti se il traffico ne possa risentire.

Strada chiusa in attesa di eventi.

Per mesi ed anni.

Eppure sino a poco tempo fa noi vercellesi potevamo contare su di una giunta comunale amica niente meno che a Torino,tutti compagni.

Se aveste mai frequentato alcune fiere del vecchio ICE,Istituto per il commercio estero, avreste visto che qualcosa si investiva nel sistema Italia e che molte aziende promuovevano i loro prodotti in queste fiere che potevano avvenire un pò dappertutto in giro per il mondo.Per farci conoscere.

Un Comune dinamico potrebbe chiedere a Torino di avere uno spazio espositivo per i pittori vercellesi per un certo periodo,offrire un cocktail di benvenuto,ed avere quattro gatti torinesi con in testa il sindaco ed il questore al vernissage.

Tanto da ottenere una citazione sulla stampa.

Sarebbe un modo come un altro di bussare alla porta di un vicino e stimolarlo a farlo venire a casa nostra.

Qualora poi anche gli artisti ne fossero contenti e soddisfatti si potrebbe estendere il raggio d’azione ed andare perchè no dove qualche altra giunta sia dello stesso colore della nostra.

E invece tutto tace in attesa solo del prossimo programma elettorale quando le stesse facce diventeranno buone e gentili perchè saranno loro ad avere bisogno di qualcosa.

Il nostro voto.

editore-images-1

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: