dov’era il parroco durante i fatti di gorino?

a-storie-di-curva-tifo-roma-norrkoeping-20-10-1982-1

Il cardinale Bagnasco non si è fatto sentire,peccato.

b-image

si preparano le barricate (foto Nuova Ferrara)

+

In altri tempi sarebbe sceso in campo anche il parroco,forse oggi troppo anziano e troppo stanco per essere in grado di calmare gli animi.

Certo,se devo essere sincero mi attendevo che il nuovo Papa non si limitasse alle prediche dalla finestra ed ai soliti viaggi ecumenici ma si interessasse piuttosto alla riorganizzazione del proprio esercito che presenta tanti e tali vuoti da rendere quasi inutile ogni speranza per il fedele di avere quel conforto e quella guida fatte anche solo di parole ma che la gente ancora cerca.

Se non sono tutti pensionabili tra preti e suore poco ci manca.

I giovani hanno scelto altre strade anche se possiedono la migliore vocazione.

Ma se le regole non cambiano e non si fanno meno tortuose avremo chissà un domani un Papa nero che non significa la fine del razzismo ma solo l’incapacità per la Chiesa di averne un altro bianco.

Guardo in televisione i fatti di Ferrara o meglio di Gorino e mi domando perchè non si è visto un parroco che abbia fatto meditare i suoi fedeli su quanto stava accadendo.

La chiesa come si legge dai giornali si stava occupando di dare nuove regole alla cremazione,proprio un bel tema.

Ma non di fare sposare i religiosi e rendergli la vita meno complicata soprattutto di questi tempi dove credo molte parrocchie sono in prima linea per assistere chi ne ha bisogno,poveri e migranti.

Vince la Curia che grazie al suo scintillio ha radunato nel tempo un sacco di preti che contavano maggiormente sul fatto di  come a Roma si vivesse meglio e con incarichi più interessanti che non nelle aree decentrate di provincia.

Perchè mai sbattersi da anonimi quando a Roma ci mettono anche in televisione?

Se gli abitanti di Gorino facessero quei 5 minuti di meditazione quotidiana per riflettere sulle attività della giornata forse avrebbero pensato che:

“Ricordatevi quanto la vita sia breve e noi vulnerabili.Ciò che importa non è quanto a lungo avremo modo di vivere,ma quanto intensamente sentiamo che la vita è un dono ricevuto e che ripaghiamo con l’altruismo.”*

Ecco… di quell’altruismo,a Gorino, ne abbiamo avuto una gran bella dimostrazione.

+

1-http://www.ansa.it/emiliaromagna/notizie/2016/10/24/barricate-contro-profughi-nel-ferrarese_e3a5f4af-588f-4433-9e69-092f4295f559.html

2-http://www.adnkronos.com/fatti/cronaca/2016/10/25/del-vaticano-cremazione-ecco-regole_NCF2xEryPcl3oyuhEsXsCO.htm

*(Sacks) http://moked.it/unione_informa/161023/161023.html

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: