tra un bicchiere di dolcetto ed un brasato

E venne il giorno della racchetta – di Claudio Moschin

Un museo per una passione

Oltre 700 racchette da tennis – tra le quali anche quelle di Roger Federer – in mostra a Baldissero d’Alba

giovedì 13/10/16 06:09 – ultimo aggiornamento: giovedì 13/10/16 06:09

È un singolare viaggio attraverso 150 anni di storia del tennis, dagli albori ad oggi, come dire anche dal legno al grafene. Con una “nonnina”, anzi quasi una capostipite: una racchetta Old Slazenger modello Demon, anno 1895, con cui i fratelli inglesi Doherty vinsero otto titoli in doppio e nove in singolare a Wimbledon fra ’800 e ’900. Ora è anche lei appesa al muro insieme a oltre 700 racchette provenienti da tutto il mondo, nel (primo) Museo della Racchetta da tennis, aperto a Baldissero d’Alba, un piccolo paese delle Langhe del Cuneese.

Un museo “personale”, in via d’espansione continua, voluto fortemente da Paolo Bertolino, torinese, “da sempre fan di Roger Federer”, di professione incordatore di racchette dopo essere stato anche un noto sommelier. Un museo, il suo, nato con una ricerca minuziosa di pezzi importanti o storici, realizzata attraverso donazioni di appassionati, di tennisti, ex giocatori di professione e circoli tennistici, ma anche grazie agli acquisti fatti nei mercatini dell’usato.

Fra le “chicche” da vedere, fatte con telai in legno dai sette ai dodici strati, c’è anche una serie di racchette prodotte da ditte inglesi e italiane fra le due guerre, assai rare e molto ricercate dai collezionisti. Ma sui muri del museo, anche tante fotografie, dediche, curiosità, aneddoti, e poi riviste sul tennis, libri e tutto quanto riguarda la storia di questo sport.

Tra i tanti oggetti legati al tennis, immancabili le scatole di palline da gioco, che un tempo erano bianche, e poi sono diventate gialle solo per “ragioni televisive”,  perché il bianco non si vedeva bene. E infine c’è anche l’angolo dedicato ai supercampioni che hanno vinto più titoli di Slam: Rod Laver, Andre Agassi, Pete Sampras, Novak Djokovic, Rafael Nadal.  Senza naturalmente dimenticare il mitico Roger Federer, che ha il posto d’onore.

Claudio Moschin

c’è anche il video su:

http://www.rsi.ch/news/vita-quotidiana/stragente/Un-museo-per-una-passione-8073970.html

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: