assuefazione

 

 

 

 

 

Setirot
Discriminazione magiara

Evviva, evviva, il referendum contro i migranti in Ungheria è fallito.Alle urne l’affluenza è stata del 43,42% e così il plebiscito cercato da Viktor Orban contro l’Europa non è passato. Ma “evviva, evviva” che cosa?

Già semplicemente l’idea in sé del no ai migranti è ripugnante, e comunque di quella metà di ungheresi che è andata a votare il 98% ha detto che per gli odierni reietti della terra lì non ci deve essere posto.

Si dirà: nulla di nuovo, è così ogni giorno di più, dappertutto.

Ma a forza di “abituarsi” si rischia grosso. Si rischia, per esempio, di non dare alcun peso alla denuncia fatta, pochi giorni prima del voto proprio contro l’Ungheria, dal Comitato consultivo sulla convenzione quadro per la protezione delle minoranze nazionali – un organismo del Consiglio d’Europa.

Secondo l’allarmante rapporto, i Rom ungheresi sono vittime “di una discriminazione sistematica” in ogni settore della vita del Paese: dagli alloggi all’accesso al lavoro, dai servizi sanitari alla scuola dove aumenta vertiginosamente la segregazione degli alunni di questa etnia.

In aumento anche gli attacchi fisici e la propaganda di odio.

Non è abbastanza? Vogliamo davvero essere complici di tutto questo?

Stefano Jesurum, giornalista

(6 ottobre 2016)

http://moked.it/blog/2016/10/06/setirot-le-minoranze-ungheria/

 

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: