Home > Attualità,curiosità e costume, Economia, informazione, News e notizie dal mondo, Uncategorized > saper leggere nelle crisi altrui ovvero non può sempre andare bene

saper leggere nelle crisi altrui ovvero non può sempre andare bene

2016-09-01T154517Z_1_LYNXNPEC8039B_RTROPTP_3_G20-CHINA-LAGARDE_original

La signora Lagarde del Fondo Monetario non sprizza eccessivo ottimismo e informando come stanno andando le cose che troveranno conferma ai primi di ottobre avvisa che secondo lei il panorama internazionale presenta una crescita ancora leggermente in calo,fragile,debole e certamente non alimentata da molta domanda. E se ciò si materializzasse sarebbe la sesta volta che il FMI rivede al ribasso le stime di crescita negli ultimi 18 mesi.

L’intervista è del 31 agosto.

http://finance.yahoo.com/news/imfs-lagarde-says-likely-cut-140759280.html

++

resized_650x365_origimage_669259

St.Moritz: le origini della crisi

Tre personalità – Reto Mathis, Maura Wasescha e Heinz Hunkeler – ci aiutano a capire cosa succede nella località engadinese

venerdì 02/09/16 06:36 – ultimo aggiornamento: venerdì 02/09/16 06:36

+

La notizia è rimbalzata su tutti i media svizzeri: a St.Moritz ci sono 25 negozi chiusi e la causa principale viene imputata ai prezzi d’affitto che non si sono adeguati al mercato e ai cambiamenti economici che il mondo intero sta vivendo dall’inizio della crisi del 2008.

“Stiamo raccogliendo i frutti di anni di strategie sbagliate e non dobbiamo cercare un capro espiatorio nella politica, nell’euro o nel meteo. Dobbiamo renderci conto che abbiamo sbagliato qualcosa e rimboccarci le maniche per poter recuperare terreno nel panorama turistico internazionale”, ci spiega Reto Mathis, uno degli chef più conosciuti a livello internazionale delle località engadinese. “Ma probabilmente questo è un ottimo momento per poter credere in St.Moritz e avviare una propria attività nella regione in quanto i prezzi stanno calando”, aggiunge.

Maura Wasescha invece è attiva da 38 anni nel mondo della compra-vendita e affitto di appartamenti e ville di lusso. “Gli affitti a St.Moritz sono cari, ma come lo sono in tutte le parti del mondo dove c’è un turismo d’élite e questo è un dato di fatto”, afferma. “Naturalmente un aggiustamento del tiro va fatto”, prosegue. “Ora – conclude – è importante lasciare spazio ai giovani e alle nuove idee, perché spesso le crisi sono causate dal mancato cambio generazionale, che causa una mancanza di comprensione del mercato e della società”.

Heinz Hunkeler infine fa parte della nuova generazione di albergatori della regione.

Nato e cresciuto a St.Moritz, ha girato il mondo nei migliori hotel di lusso per poi ritornare in patria nel ruolo di CEO del Kulm. “Quest’estate abbiamo superato ogni record e la stagione si chiude in controtendenza. Ma, con i negozi del gruppo, abbiamo dovuto scendere a compromessi e abbassare gli affitti del 10-15%”.

Su una cosa sono tutti e tre d’accordo, nella crisi bisogna sapere leggere le opportunità: per loro anche questa volta St.Moritz ce la farà ed il giro di boa non sembra essere troppo lontano.

Filippo Giani

Video e CORRELATI

 

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: