Home > Attualità,curiosità e costume, News e notizie dal mondo, Uncategorized > la giusta opportunità per ogni bambino

la giusta opportunità per ogni bambino

incheon-editedI nostri minori non accompagnati sono bene indicati in aeroporto con la UM (unaccompanied minor) e viaggiano anche loro ma non nelle stesse condizioni degli africani e dei rifugiati che attraversano il Mediterraneo (ndr)
——————————————————————————————————-
+
Soli in Ticino – di Alessandra Spataro

Minorenni soli in Ticino

Sono 70 i migranti non accompagnati giunti ed accolti nel 2015 – Qui le storie di tre di loro

giovedì 16/06/16 06:05 – ultimo aggiornamento: giovedì 16/06/16 07:48

Il più timido di tutti non si fa filmare. Ha gli occhi svegli e racconta la sua storia quasi sussurrando. A.A. è partito dall’Eritrea quando aveva 13 anni, da solo. Per nove mesi ha viaggiato fra il Sudan e la Libia. Qui, ci racconta, ha preso un barcone e ha attraversato il mare Mediterraneo con altre 785 persone. Venticinque sono morte durante la traversata. Lui le ha viste.

A.A. ha scritto una poesia che ha letto anche all’ultima edizione di Chiasso Letteraria, parla di sua madre e inizia così: “Ti chiamo mamma la preziosa, la vita non è bella senza di te…Chi ha inventato l’immigrazione. Ho capito adesso che non dovevo allontanarmi da te”.

La poesia appesa nell’ufficio del direttore Calò (RSI/AlesS)

Lo abbiamo incontrato alla scuola media di Barbengo dove, con altri 19 minorenni non accompagnati fuggiti dal loro paese, ha terminato il suo primo anno scolastico. Ha 14 anni.

Nella sede di Barbengo è stato accolto il maggior numero dei 70 giovani, di cui solo otto ragazze, che hanno raggiunto lo scorso anno il Ticino ed hanno trovato casa nel foyer di Lugano-Paradiso gestito dalla Croce Rossa. “Per mandato cantonale accogliamo ragazzi alloglotti nel nostro comprensorio – spiega il direttore Marco Calò – . Da settembre i ragazzi sono stati inseriti nelle prime e nelle terze classi”. “Abbiamo tentato di tenerli separati tra loro per agevolarne l’integrazione. Nelle prime classi sono stati accolti benissimo. Nelle terze è stato un po’ più difficile siccome i gruppi di amicizie si erano già consolidati”.

Durante il nostro incontro con Tesfit, S.T. e A.A. (guarda il video con la loro testimonianza), era presente anche Federico Bettini, responsabile foyer minorenni non accompagnati della Croce Rossa. Grazie anche a lui i ragazzi ci raccontano le loro esperienze di viaggio, senza entrare nei dettagli. “E’ molto difficile che si confidino – dice Bettini -. Hanno alle spalle un vissuto molto difficile e noi chiaramente non insistiamo. Aspettiamo che siano loro a venire da noi”. “Questi ragazzi – conclude con un pizzico di orgoglio – in questi mesi hanno fatto grossi passi, hanno iniziato a parlare italiano e a integrarsi nella nostra società”.

Alessandra Spataro

iI nostro dossier: Le vie dei migranti

http://www.rsi.ch/news/ticino-e-grigioni-e-insubria/Minorenni-soli-in-Ticino-7519766.html

Grido d’allarme Unicef per milioni di bambini nel mondo  (keystone)

Infanzia, allarme Unicef

Chieste misure urgenti per salvare la vita a milioni e milioni di bambini in situazioni critiche

martedì 28/06/16 10:28 – ultimo aggiornamento: martedì 28/06/16 10:45

La mancanza di interventi adeguati, entro il 2030, potrebbe causare la morte di 69 milioni di bambini di meno di 5 anni per cause prevedibili. Inoltre 167 milioni vivranno in povertà, 750 milioni di donne si saranno sposate da bambine e oltre 60 milioni di bambini saranno esclusi dalla scuola primaria.

È l’allarmante denuncia lanciata martedì dall’Unicef nel rapporto annuale sulla condizione dell’infanzia nel mondo 2016 intitolato “La giusta opportunità per ogni bambino”, in cui si afferma tuttavia che importanti progressi sono stati fatti per l’infanzia. Riferendosi ai progressi sostenuti, il rapporto dell’Unicef segnala che la mortalità per malattie come diarrea, pertosse, tetano, Aids è scesa da 5,4 milioni del 2000 a 2,5 milioni del 2015.

In 29 paesi un numero uguale di bambini e bambine vanno a scuola e il numero delle persone che vivono in povertà estrema si è ridotto quasi della metà rispetto al 1990. I programmi per le vaccinazioni hanno diminuito dell’ 80% i decessi per morbillo dal 2000 al 2014, prevenendo così la morte di circa 1,7 milioni di bambini. Ma questi progressi, per l’Unicef, “non sono ancora equi” e le prospettive più incerte rimangono nella zona dell’Africa subsahariana.

ATS/Swing

CORRELATI
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: