museo borgogna comunicato stampa

j-e61bd7f8-651c-4a2b-988c-3885e6fe5f27

untitledborgogna logo

Comunicato 7/2016 Museo Borgogna

22 marzo 2016

Soft machine e Annunciazioni”.

Due mostre di Roberto Gianinetti per un Service

Apriranno al pubblico domenica 10 aprile le mostre di Roberto Gianinetti Soft machine” e “Annunciazioni” allestite contemporaneamente in due sedi cittadine: il Museo Borgogna e la Confraternita di San Vittore.

Un progetto espositivo che vede la collaborazione in sinergia tra l’artista, il Museo Borgogna, l’Ufficio Beni Culturali dell’Arcidiocesi e la sezione vercellese del Lions Club. Le mostre, curate da Daniele De Luca e Cinzia Lacchia, saranno accompagnate da un catalogo illustrato, con testi critici di Luisa Facelli, e realizzato grazie alla generosità dell’Arcidiocesi il cui ricavato verrà devoluto all’Unione Italiana Ciechi di Vercelli per l’acquisto di un cane guida, oggetto del Service del Club.

Le due mostre parallele si svilupperanno con tecniche e tematiche ben differenziate completandosi a vicenda.

In San Vittore prevarrà il tema sacro dell’Annunciazione, elaborato attraverso un percorso suggestivo sulle carte inchiostrate da Roberto Gianinetti che ha preso vita dal dialogo con l’opera di Bernardino Lanino custodita al Museo Borgogna.

In museo invece saranno protagoniste di “Soft machine” le sperimentazioni di stampa a rilievo in bianco con l’uso del torchio manuale: un insieme di lavori in cui è prevalsa la conoscenza dei supporti e della tecnica con tematiche che richiedevano quello che Gianinetti definisce un “isolamento morbido”.

E ancora, il tema dell’incontro e di ciò che accade “subito prima e subito dopo” in una rielaborazione e ricostruzione di idee che, partendo da un repertorio classico, ha coinvolto altri co-workers artisti come Serena Rubini (soprano), Massimiliano Genòt (pianoforte), Paolo Boggio (compositore) e Emanuele Olmo (videomaker) insieme a Luisa Facelli (testi) in San Vittore, in dialogo distante con l’assenza di colore colmata dalla profonda tatticità (e vicinanza allo scopo del service rivolto ai non vedenti, in fondo) delle opere al Borgogna.

Domenica 10 aprile alle 16 al Museo Borgogna verrà proposta la visita guidata a “Soft machine” condotta dall’artista Roberto Gianinetti e, a seguire, l’evento proseguirà alle 18 in San Vittore, sempre accompagnati dall’incisore, dove è previsto un concerto di Serena Rubini, Massimiliano Genòt e Paolo Boggio.

Su prenotazione al numero 0161.252764; costo 10 euro

Roberto Gianinetti, è un incisore vercellese diplomato a Brera in xilografia e rilievografia. Ha insegnato in diversi centri di formazione artistica sia in Italia che all’estero (Brera, Accademia ACME a Milano, Kaus a Urbino…) partecipando costantemente alle principali esposizioni internazionali di incisione. Si occupa quasi esclusivamente di ricerca nel campo della rilievografia i suoi lavori sono presentati in folio, sotto forma di libri dartista, stampe darte su tessuti e vestiti, come installazioni teatrali e musicali.

Le esposizioni sono realizzate con il patrocinio del Comune di Vercelli, Provincia di Vercelli, Regione Piemonte e ATL Valsesia Vercelli e con il sostegno di Compagnia di San Paolo e Cassa di Risparmio di Vercelli.

Ufficio Stampa Museo Borgogna

Via Antonio Borgogna, 4

13100 VERCELLI

Tel. 0161.252764 stampa@museoborgogna.it

Seguici su facebook! Cerca “Museo Francesco Borgogna”

_________________°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°__________________

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: