Home > Attualità,curiosità e costume, Economia, Fiere ed eventi, gossip, informazione, News e notizie dal mondo, Uncategorized > a panama è già stagione delle pioggie?…eccovi i primi più antipatici alla stampa….

a panama è già stagione delle pioggie?…eccovi i primi più antipatici alla stampa….

Di solito i giornali si attaccano dove lo scandalo aiuta nelle vendite.E’ risaputo,e quindi c’è da stare cauti sulle pubblicazioni di liste di nomi che ai lettori poi interessano un fico secco.

Ma secondo l’orientamento del proprio direttore che dipende dall’azionista di riferimento,ci si butta su di uno piuttosto che non l’altro personaggio tra smentite,parziali ammissioni di colpevolezza o urla di rimprovero,con la segreta speranza che piova il solito poco e che il sole asciughi tutto nel giro di mezz’ora come succede nei paesi tropicali.

L’ordinary Joe per chiamarlo l’uomo della strada gliene frega nulla di sapere che Tizio è tanto ricco da dover nascondere dei soldi per pagare meno tasse in posti dove mordono la propria parte per il servizio reso facendosi pagare profumatamente anche per quello che non fanno.

E se poi qualcuno scivola sulla classica buccia di banana è perchè non è stato attento a sufficienza.

Ben gli stà..?

E chi può giudicare a casa d’altri?

http://www.rsi.ch/news/mondo/Panama-si-difende-7161665.html

David Cameron (keystone)

Panama papers, Cameron ammette

Il primo ministro britannico: “Avevo una quota, ma ho pagato le tasse sui dividendi”

giovedì 07/04/16 21:27 – ultimo aggiornamento: venerdì 08/04/16 09:05

David Cameron ha ammesso di essere stato in possesso di una quota della società offshore creata dal padre Ian (deceduto nel 2010), precisando tuttavia di averla venduta per 30’000 sterline (circa 40’000 franchi) poco prima di diventare primo ministro.

Il premier britannico, durante un’intervista esclusiva giovedì sera a Itv news, ha dunque ribadito di non aver nulla da nascondere e di aver rispettato la legge, avendo pagato a suo tempo la normale tassa sui dividendi.

Dopo aver finora negato di aver beneficiato del fondo aperto a Panama dal padre, le ammissioni di Cameron, che ha pure dichiarato che pubblicherà al più presto la sua dichiarazione d’imposte, sono state probabilmente dettate dalla necessità di uscire dal pantano che rischiava di sommergerlo alla vigilia del referendum sulla Brexit, l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione europea.

Quello del premier britannico è solo uno fra le centinaia di nomi apparsi nell’inchiesta Panama Papers, che ha coinvolto vip e potenti di mezzo mondo, i quali avrebbero aperto società nel paradiso fiscale centroamericano appoggiandosi allo studio Mossack Fonseca.

ATS/ludoC

Il nostro dossier Il caso “Panama papers”

+

I Panama Papers visti da Charlie Hebdo  (Keystone)

Il fascino discreto di Panama

Perché la Svizzera è uno dei maggiori centri dove vengono costituite società offshore nell’analisi di Marzio Minoli

venerdì 08/04/16 07:57 – ultimo aggiornamento: venerdì 08/04/16 07:57

lo trovate su:

http://www.rsi.ch/news/economia/Il-fascino-discreto-di-Panama-7157144.html

+

Mentre dalla Gran Bretagna l’opposizione scrive:

David Cameron admits he profited from father’s Panama offshore trust.

http://www.theguardian.com/news/2016/apr/07/david-cameron-admits-he-profited-fathers-offshore-fund-panama-papers

+

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: