non ho quasi più nulla… da difendere

gp10-1502491_718912188185042_6377308497348389226_n

l’editore in un fotomontaggio dinanzi il lago Titicaca in Perù.

+

difendere…

Edouard Herriot (1872-1957) afferma che: “la cultura è ciò che resta quando si è dimenticato tutto”.
L’ho trovato in giro scritto sul web questa sera.***

Gli cambio il contorno e salta fuori che di fronte a tutto ciò che ci è stato tolto e distrutto e fatto dimenticare non ci resta che difendere la nostra cultura: ciò che siamo, ciò che siamo chiamati a vivere e ciò che siamo chiamati a trasmettere.

 

Dopo cena mi succede a volte di farmi un pisolino,poi mi sveglio e mi spavento dal trovarmi tutto solo in casa senza avere più la voglia di uscire a fare due passi o cercare compagnia.Pigrizia.

E mi domando com’è che sono finito a dare una simile svolta alla mia vita mollando una compagna e a come sia successo che anche mia madre con cui vivevo ad una certa età sia finita al cimitero.

Succede a tutti prima o poi.

Allora ho ripassato un forum sulla solitudine e mi scopro meno solo di tanti altri che se la passano molto meno bene che non il sottoscritto,anche vivendo accompagnati.

Poi vado alla ricerca di qualche buona massima e mi pare che questa sia centrata.

“La nostra cultura è ciò che siamo,ciò che siamo chiamati a vivere e ciò che siamo chiamati a trasmettere.”

Oggi vado in farmacia e come tutti gli anziani che sono coloro che hanno più tempo da dedicare al clima,alle brutture che ci circondano di ogni città e idem con patate per le critiche verso l’amministrazione pubblica,sono anche quelli che hanno la presunzione di dire che una volta si stava meglio.

Non credo che ciò sia vero,credo piuttosto che quando lavoravamo ed eravamo più giovani non ci badavamo tanto al clima,e nemmeno alla sporcizia in città per la semplice ragione che non ne avevamo il tempo.

Ma quello che più mi ha fatto ridere è il ripensare che una farmacista di quelle incontrate oggi mi abbia detto…”venga più spesso”…il che equivale a dire…ma non mi rompa i cosiddetti che sono qui a lavorare e non a potere perdere il mio tempo anche lo volessi dietro alle sue stranezze.

Vi è piaciuta?

Ecco cosa è il ciò che siamo,a volte,ossia dei bei rompiballe nei confronti delle giovani farmaciste (belle) e (nel mio caso) anche…di alcune  bariste gnocche che cerco di interessare a delle gran stronzate.

+

***:Nota.

Pierpaolo Pinhas Punturello, rabbino

(24 luglio 2015)

– See more at: http://moked.it/blog/2015/07/24/difendere/#sthash.dx7pHtCk.dpuf

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: