sinonimi e contrari

sant'andrea b.DSC00206

Beatrice mi da modo di entrare in polemica non con lei ma con coloro che mi cita in questo articolo.Per intanto inizio con Balla e la sua affermazione che la pittura di paesaggio non interessi più a nessuno sorpassata come pare sia da altri strumenti che fissano un’immagine.

Può darsi che ciò sia vero per qualcuno ma non a tal punto dal farne un’affermazione generalizzata.

Ho infatti appena spiegato che avvicinandomi ai 50 anni suonati alla storia dell’arte ho preso più spunti per fare del turismo in Francia dai quadri degli impressionisti che non dalle fotografie.

Ora ho appeso questo dipinto della nostra Sant’Andrea in chiave futurista eseguito da Modeste ed attendo le statistiche del nostro comune su quanti turisti in più avremo.

Per intanto due cileni e ginnici li abbiamo ricevuti.

IMG_0831gp1

Jose Miguel a destra con la signora,turisti a Vercelli.

E neppure sono d’accordo con Daniel Pennac che forse era un pò introverso.Secondo me è ancora meglio parlare e mi spiace vedere in strada tanta gioventù (e non) che ha fatto del telefonino una macchina da scrivere portatile.

Certo,se chiami e ti tirano in faccia la cornetta o come vedono il tuo numero si eclissano…forse ti viene voglia di passare ad una foto o un ritratto,per non dimenticare,ma ciò non succede a tutti.

Vi ho fatti ridere?

1-modest-dsc02864-gi-modesto

Jean Modeste al lavoro

L’eterno istante di Henri Cartier Bresson

Si è appena conclusa a Palazzo della Ragione di Milano una mostra fotografica allestita per raccontare come i grandi fotografi internazionali hanno visto l’Italia in un arco di tempo di quasi ottant’anni.

HENRI-CARTIER-BRESSON-FIRENZE-1933-1000x600

E’ davvero possibile riportare con uno scatto l’immediatezza di una sensazione?
Henri Cartier Bresson, l’uomo che ha trasformato il fotogiornalismo in arte, un giorno disse: “Fotografare è mettere sulla stessa linea di mira testa, occhio e cuore”. E’ un’illusione pensare che le foto si facciano solo con la macchina…E forse è proprio questa equazione testa + occhio + cuore a rendere la fotografia espressione di una soggettività che fa di essa stessa una forma di interpretazione della realtà alla stregua della pittura.

La pittura non ebbe più un’urgenza predominante; quanto c’è di reale in una mano che riproduce realisticamente il cielo? Quello disegnato sarà pur sempre un cielo disegnato, non cielo azzurro rinvenuto dall’asse temporale e fissato eternamente. Infatti Giacomo Balla, nel suo Manifesto del Colore scritto nel 1918, riconobbe che “data l’esistenza della fotografia e della cinematografia, la riproduzione pittorica del vero non interessa né può interessare più a nessuno.”
Di tutti i mezzi di espressione solamente la fotografia può rendere l’eternità di un istante. Il fotografo ha a che fare con una realtà in continua sparizione ed è continuamente alle prese con l’attimo fuggente di un rapporto instabile. La fotografia è un’azione immediata mentre il disegno è una meditazione.

E io non posso fare a meno di pensare alla bellezza che c’è in questa continua tensione al non-più-essere, al raggiungere l’eternità attraverso il momento, allo scegliere cosa lasciar fuori dall’inquadratura; cosa rendere eterno e cosa no. Ma soprattuto lasciare che qualcun’altro veda con i tuoi occhi.

I fotografi hanno sempre a che fare con attimi che svaniscono di continuo e mi viene da paragonarli a tiratori che sparano una fucilata. Basta un momento, basta il movimento di un dito, un secondo e l’istante è impresso per sempre. Fermare un istante destinato a scomparire – è tutta questione di una frazione di secondo. E questo è il momento giusto per chiederci quale sia il valore di un attimo ma credo che tutti gli aggettivi scoloriscano di fronte al sublime sguardo che cattura l’istante.

Daniel Pennac un giorno disse di aver preferito fotografare invece di parlare, di aver fotografato per non dimenticare ma soprattutto per non smettere di guardare e imparare a guardare è forse il tirocinio più lungo di tutte le arti. Guardare fuori e guardarsi dentro.

Mi inchino alla bellezza che non mi appartiene.

Beatrice Carducci

1-beatrice-4 scatti del 09-08-15 alle 15.02 #10

https://beatricecarducci.wordpress.com/2016/02/11/lattimo-di-henri-cartier-bresson/

  1. febbraio 14, 2016 alle 2:35 pm

    Sarà sempre importante dipingere, ho citato Balla per meglio spiegare ciò che si pensava in quegli anni; con l’avvento del futurismo e, più in generale, dell’arte astratta e concettuale.
    La fotografia è l’unica arte che può fissare un istante che per definizione non è eterno, ma grazie alla fotografia lo diventa. Questo è ciò che più mi affascina. Senza mai togliere nulla alla pittura. Buona domenica a tutti.

    Beatrice

    Liked by 1 persona

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: