come un limone spremuto

-002-small

C’è solo più la buccia per il risparmiatore,tutto il resto se lo sono già pappato…

Questa è la fotografia dei mercati azionari dopo la bella corsa al ribasso dei mesi passati.

Non solo,adesso c’è da badare a che non si surriscaldi troppo la ripresa o l’impeto… di chi (timorosamente) si riaffaccia ad acquistare. E che la governatrice della Fed non faccia di nuovo lo scherzo di alzare i tassi che è il timore numero 1 del mercato.

103066243-20151007-2-1724-10.530x298

Sino ad oggi e toccando ferro…pare che T Boone Pickens l’abbia vista giusta sui prezzi del petrolio e cioè che si fosse già toccato il fondo più o meno sotto ai 30 dollari, ma dato che di furboni è pieno il mondo non è escluso che qualcuno riaccenda la miccia ribassista ed i compratori odierni vadano a bagno anche loro .

Noi che siamo ancora umidi  brrr…brrrrr…dopo quelli che già ci è toccato fare,altro non faremo che guardare allo spettacolo visto dalla curva…discendente.

Oddio un ribasso normale è accettabile per tutto,quando c’è volatilità e quando vedi poi che i prezzi si muovono mediamente verso un livello superiore,ma un nuovo crollo del greggio porterebbe la gente ad incazzarsi e spostare i propri denari su altri strumenti finanziari che oggidì tra l’altro non è facile trovare salvo vi mettiate in casa dei bei derivati che le banche sono sempre disponibili ad appoggiare sulle chiappe dei clienti dicendogli:

Così guadagniamo insieme…non è vero?

Chi comanda sono i fondi dove le banche hanno indirizzato tutta la clientela per potere nascondere anche quel poco di biancheria sporca che a volte ognuno deve riciclare, il fai da te è mal visto, e di questi tempi anche poco raccomandabile se non ci siete più che dentro alle cose del mercato.

a.Nicole-NorthwestBeauties-3

In questo caso sono mutandine ad alta digeribilità…  (AP Studio)

Coi fondi non ci guadagnerete molto,anzi nulla è la più probabile eventualità,ma con un pò di fortuna non vi mangerete neppure le mutande,le vostre,salvo ci si metta contro la sfortuna come è ovvio.I gestori ti tolgono dal pacchetto quello che funziona bene quando è ancora acerbo pur di generare commissioni per esempio, e ti inseriscono dentro un qualche chiodo perdente raccontandotela poi che è colpa dell’economia giapponese o di quella di Taiwan o di Mosca per citare i fatti più eclatanti del giorno.

Se mai le banche avevano impiegato tanti anni per farsi una reputazione in previsione di un benessere generalizzato che è poi venuto e le ha favorite ora se la sono persa per la strada alla mercè di gruppi raffazzonati e messi insieme da fusioni strane fatte apposta per entrare a testa alta nella UE.

Come sia… lo vediamo bene.

Ma per guadagnare o perdere è questione di cervello non di dimensioni.

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: