Home > Animali, News e notizie dal mondo, Uncategorized > la vicina penisola saremmo noi

la vicina penisola saremmo noi

“Un cucciolo è per sempre”

+

“Gli animali regalati a Natale sono spesso in strada a S.Stefano”, parola di Giancarlo Galli

sabato 19/12/15 07:42 – ultimo aggiornamento: sabato 19/12/15 09:40

Un cucciolo, come il diamante per citare un noto claim pubblicitario, è per sempre. Questo dovrebbero pensare quei genitori che ogni anno fanno trovare ai propri figli un piccolo animale da coccolare sotto l’albero. I pericoli insiti in questo genere di regalo natalizio, che dati alla mano pare aumentare di anno in anno, sono diversi a cominciare dall’origine del cane, del gatto o del maialino, per citare alcune razze.

Solo nel novembre 2015 in diverse parti d’Europa, soprattutto nella vicina Penisola, operazioni delle Forze dell’Ordine hanno permesso di scoprire vere e proprie tratte di animaletti da Polonia, Albania ed Ungheria, pronti da essere rivenduti per le feste natalizie. Nati e cresciuti in veri e propri allevamenti clandestini, vengono poi rivenduti ai mercati neri delle grandi città italiane, spesso senza essere stati debitamente vaccinati, malati e senza le necessarie tutele sanitarie. A dirlo sono i veterinari stessi che poi si trovano a curare i cuccioli, senza contare che acquistare “in nero” questi animali alimenta il traffico illegale di persone senza scrupoli che non appena vedono che la bestiola di turno ha problemi agli occhi o alla bocca – spesso le parti più colpite nei cuccioli – se ne sbarazzano nei modi più crudeli.

Il ticinese Giancarlo Galli, titolare del Rifugio degli Animali felici di Brissago Valtravaglia (VA), ogni anno, poco dopo le feste, raccoglie molti cani e gatti rimasti nelle case il tempo di scartare i regali. Poi ci si accorge che sporcano, rosicchiano, che sono esuberanti o anche solo che crescono ed hanno bisogno di più cibo e più cure e non si è disposti a fare sacrifici. Spesso, come ricordato dalla veterinaria Serena Rabaglia della clinica veterinaria Hofmann di Luino, nemmeno si è disposti a dargli una cosa fondamentale per la loro crescita: il nostro tempo. Le associazioni animaliste internazionali denunciano che ogni anno, dopo le feste, quasi la metà dei cuccioli regalati finisce per strada, abbandonato. Se proprio si desidera un cucciolo, infine, l’invito potrebbe essere quello di rivolgersi a canili, gattili, guardare sui siti svizzeri che danno casa agli animali abbandonati o anche a rifugi come quello di Galli, che danno il loro affetto agli animali in attesa di una casa ed un padrone che li ami. Tutto l’anno.

Simone Della Ripa

http://www.rsi.ch/news/vita-quotidiana/voce-animale/Un-cucciolo-%C3%A8-per-sempre-6581047.html

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: