le fonti del clitunno

fonti del clitunnoDSC00094

Se uno in famiglia ha la passione della poesia vi porterà sui luoghi dove i poeti ci sono passati,e se un altro ha la passione della pittura è facile altrettanto che segua le orme dei pittori.

All’epoca,metà anni ’60,dovemmo cercare il custode per farci aprire il cancello,oggi è patrimonio UNESCO dell’umanità ma non penso che questo luogo sia molto conosciuto al di fuori del suo ambito regionale.

Sono le fonti del fiume Clitunno celebrate da Giosuè Carducci e non solo lui,persino da Byron ed altri poeti.

La foto è di anni del boom quando l’auto ci diede indipendenza…

https://it.wikipedia.org/wiki/Clitunno

7A795EB7152B20B0D3CD5E6B91081C81.jpg

FCCC5F2165B2BF3B1E80D94D33FA2038.jpg

Le Fonti del Clitunno si estendono su una superficie di quasi 10.000 mq lungo la via Flaminia fra Spoleto e Foligno, nel comune di Campello sul Clitunno.

Il loro aspetto suggestivo, con il laghetto popolato di nasturzi acquatici, nontiscordardimé della palude, cigni e anatre, e con la miriade di colori dei salici e dei pioppi cipressini che si riflettono nel limpido specchio d’acqua, ispirò fin dall’antichità pittori, poeti e scrittori, come Plinio il Giovane, Virgilio, Corot, Byron e Giosuè Carducci, il quale le consacrò nella sua celebre ode. A ricordo della visita del poeta avvenuta nel 1910, vi è una stele marmorea scolpita a bassorilievo da Leonardo Bistolfi, accompagnata da un’epigrafe di Ugo Ojetti.

Le Fonti del Clitunno sono alimentate da sorgenti sotterranee che sgorgano da fenditure nella roccia che con la loro copiosità anticamente formavano un fiume navigabile fino a Roma, lungo le cui sponde sorgevano sacelli, ville e terme.

Considerate sacre dai Romani che qui venivano a consultare l’oracolo del dio Clitunno e a svolgere riti religiosi, come testimonia la presenza più a valle del Tempietto di Clitunno (poi trasformato in una chiesetta paleocristiana dedicata a S. Salvatore che conserva antichi affreschi), molte vene delle acque del fiume furono disperse in seguito al grande terremoto del 440 d.C. Regolate poi facendole passare al di sotto del Marraggia, le Fonti assunsero il loro aspetto attuale nella seconda metà dell’Ottocento per opera del conte Paolo Campello della Spina.

La visita di questo luogo incantato è breve, ma costituisce una tappa piacevole e rilassante in quello che può essere anche considerato un parco storico e letterario; nelle vicinanze è inoltre presente un ristorante dove è possibile degustare prodotti tipici della cucina umbra

http://www.italiaparchi.it/parchi-naturalistici/parco-natura.aspx?title=Fonti+del+Clitunno&typecod=dati&cod=625EDCD0D9BFFECEFE6F61F076DE19&order=0&type=paramurl

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: