Home > Attualità,curiosità e costume, Economia, Uncategorized > siamo al servizio dei lettori…

siamo al servizio dei lettori…

 

Peter-Breiter-serves-a-cu-029

Foto della più piccola filiale di Reiffeisen la banca cooperativa germanica,a Gammesfeld: 1 impiegato…

Peter-Breiter-counts-mone-031

(Reuters/The Guardian)

Io credo che per tanto che uno voglia il bene di un altro o del cliente,quando si tratta di investimenti finanziari un qualche chiodo ci scappa sempre anche se non vuoi.

Anche se sei nella migliore buona fede.

Ma questo non è più un problema di chi vende inavvertitamente ma lo diventa per chi compra in buona fede e inavvertitamente.

Guardate che succede anche a gente pratica del mestiere e non solo a chi non se ne intende.

In un momento quale stiamo attraversando ora non pare esistano opportunità al di fuori delle borse salvo che tu non voglia lavorare con il Venezuela dove qualcuno mi dice che pagano il 8% di interesse ma non so se sia sul bolivar che è strasvalutato o sul dollaro o che altro.

Però se vuoi entrare in borsa devi trovare qualcuno che ti dia una dritta o cercarti un fondo “magico” che lo è tale solo sulla carta per la performance dei bei tempi andati.Quelli del passato.

+

Il futuro in fatti non lo conosciamo salvo coloro addetti agli oracoli del Fondo Monetario che per bocca della sua presidente hanno già detto che il 2016 sarà un anno difficile,forse più di questo che finisce.

Oracoli di chi basandosi sull’incertezza economica mondiale come se un domani queste situazioni non potessero cambiare annuncia agli online-utenti che chi è in carica lo è lì per aggiustare tutto.State pur tranquilli.

Infatti a cosa servirebbe un presidente di nomina politica se le cose andassero sempre bene?

Meglio sbagliarsi per difetto di ottimismo che non per il contrario.

Uno investe in dollari quando vive in euro col cambio a 1,60 e poi lo ritrova a 1,09 e dice che ha guadagnato un sacco,beato lui.

Ma poi parte degli strumenti utilizzati con quei dollari sono finiti nel petrolio e si trova con delle azioni che tempo fa valevano 60 ed oggi sono scese a 6.

Proprio così.

Sei…dollari…virgola…centesimi.

Da svenire e da svenarsi.

La salvezza sono ancora i dividendi ma credetemi che non tutti si accontentano anche perchè quando le cose girano storte alle grandi società calano gli utili e quindi anche la cedola può scendere.

Ma allora quando risalirà il prezzo del petrolio?

A me pare che ci vorranno anni perchè senza crescita non aumentano i consumi e neppure i prezzi per cui abbiamo tutto il tempo dinanzi a noi per vedere fallire anche qualche società.

Le guerre infatti non portano un benessere generalizzato salvo ai fornitori del settore ed all’entourage composto di generali,scafisti e borsaneristi.

A questo punto chi è onesto deve dire ho sbagliato… è stata colpa mia,potevo fermarlo a tempo l’impiegato,ma capita il contrario e quindi il tizio racconta che gli hanno ficcato un bidone tra le croste.

+

Ecco perchè ho rinunciato a fare domanda di assunzione in banca dopo essermi laureato.

L’unica che ci credeva sul mio fiuto era la mamma che vedeva per me una buona carriera sperando che il buon sangue di un qualche agente di cambio che avevamo avuto in famiglia non mi tradisse.

Ma l’ultimo aveva acquistato per mio padre titoli di una miniera di carbone sarda,sì proprio sardegnola, dicendo che anche un famoso industriale eporediese c’era dentro a mò di consolazione nostra e pure con un bel pacco di azioni,anche,e la miniera invece fallì lasciando mio padre con l’industriale entrambi muti di dolore.

Questo vuole dire essere sul mercato.

Prendi un fondo credendo di diversificare il rischio ma nessuno te lo dice e ti cambia la composizione dei generi che lo stesso ha in portafoglio perchè la banca si trova un qualche titolo tossico tra i piedi e lo ripartisce con onestà tra mille clienti che non c’entrano nulla.

Se non fai una class action non ottieni nulla ma non ci sono controlli sufficienti perchè mancano i controllori,infatti dove ci sono la banca si becca una multa.

E questo succede però solo negli USA dove sanno che le banche straniere tentano il colpo per farsi il cliente adulandolo che con loro le tasse non si pagano.

In più opera il solito larvato protezionismo tra i colossi USA che si difendono prima di tutto nel loro giro e poi ed è quasi sempre vero curano gli interessi solo ai ricchi.

Essendo quello dei paperoni un mercato piccolo per numero ma ricchissimo per valore di dollari nessuno vuole cedere nemanco un cliente e di qui nascono le diatribe con gli operatori stranieri.

D’altro canto il paese all’epoca della colonia lavorava solo con la Gran Bretagna in import ed in export in maniera esclusiva,ed imparata la lezione,hanno buttato a mare gli inglesi e fanno oggi lo stesso tra di loro.E’ un circolo vizioso dove nessuno può entrare se non è americano.

I soldi degli stranieri sono benvenuti ma non le loro banche o le loro imprese salvo che non diano occupazione dove più conviene.

L’Europa sono secoli che non è più al centro del mondo ed infatti le mode ed i telefilm polizieschi sono tutti fatti a Hollywood per poco e trovi solo quello.D’altro canto la nostra litigiosità fà sì che ad ogni piè sospinto abbiamo bisogno del loro aiuto e loro te lo danno ma non gratis.

Quando vi raccontavo che certi micro paesi vogliono permettersi un tenore di vita che non si possono permettere ecco che la Estonia invece di affittare degli aerei a Warren Buffett se li è comprati in proprio perchè qualcuno ci poteva così mangiare sopra.

E però la compagnia di bandiera è fallita ed ha fatto come le nostre banche rinascendo il giorno dopo con un altro nome e lo stesso personale.

Niente scioperi ne disoccupazione e neppure aiuti di stato.

E tutti finiscono a Bruxelles a chiedere la carità e vedrete quanti in più saranno nei prossimi anni.

Per cui avranno ragione tutti,il Fondo Monetario,la ONU,la Ue gli USA e forse anche i petrolieri.

C’è sempre un asso nascosto nella manica ed appartiene al più forte al tavolo:e sono le elezioni del prossimo novembre per la Presidenza USA.

Può apparire il sole,e con esso un cambio repentino degli umori.

tumblr_meyvzbKjfO1rymidgo1_1280

 +

cambiamo di fondo gratis…l’ultimo messo sui giornali:

Barclays to Pay $13.75 Million to Settle Case Over Mutual Funds

http://www.nytimes.com/2015/12/30/business/dealbook/barclays-to-pay-13-75-million-to-settle-case-over-mutual-funds.html?_r=1

il penultimo…sempre in USA per altre grane di tipo fiscale…

Julius Bär, trovata l’intesa

La banca aumenta le riserve a 547 milioni di dollari per chiudere le vertenza fiscali negli USA

mercoledì 30/12/15 08:43 – ultimo aggiornamento: mercoledì 30/12/15 14:03

http://www.rsi.ch/news/svizzera/Julius-B%C3%A4r-trovata-lintesa-6653359.html

riguardo la compagnia di bandiera estone…

Estonian Air formally declared bankrupt after EU ordered it to repay state aid

http://www.usnews.com/news/business/articles/2015-12-29/estonias-national-airline-declared-bankrupt

+++

  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: